Giovedý 01 Ottobre04:13:53
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Rimini saluta commossa Sergio Zavoli: camera ardente al teatro Galli

La Romagna è pronta a valorizzare il suo lavoro

Attualità Rimini | 10:47 - 08 Agosto 2020 Il feretro di Zavoli, i sindaci di Ravenna, De Pascale, Andrea Gnassi e Vasco Errani Il feretro di Zavoli, i sindaci di Ravenna, De Pascale, Andrea Gnassi e Vasco Errani.

Si è aperta alle 17 di ieri, venerdì 7 agosto, la camera ardente allestita al teatro Galli di Rimini per Sergio Zavoli.
La città romagnola i saluta "con gusto e sobrietà" Sergio Zavoli che ha scelto la città romagnola per riposare accanto all'amico Federico Fellini. Come chiesto dalla famiglia. E fa risuonare la sua voce. Zavoli, dopo i funerali di questa mattina a Roma, e' arrivato a Rimini in pomeriggio e dalle 17 e' aperta la camera ardente nel foyer del teatro Galli. Mentre in platea scorrono sue immagini e riprese, e la sua voce riempie il teatro.

Cittadini e autorità entrano alla spicciolata, tra i primi la presidente dell'assise regionale Emma Petitti e Tonino Bernabè', presidente di Romagna Acque. Il sindaco di Rimini Andrea Gnassi e' stato vicino alla famiglia tutta la giornata, accompagnando Zavoli nel suo ultimo Roma-Rimini. "Ha raccontato l'anima del Paese e la sua anima ora riposa a Rimini vicino a Federico come desiderava. E per tutta la citta' e' un orgoglio", sottolinea riportando anche la commozione della famiglia e della moglie Alessandra Chello per un "abbraccio fantastico e straordinario nello stile che avrebbe voluto". Arrivano anche il sindaco di Ravenna, dove Zavoli e' nato, Michele De Pascale, per il quale "e' un dovere e un grande onore essere qui a rappresentare tutti i cittadini di Ravenna"; e l'ex presidente della Regione e parlamentare Vasco Errani. Per lui Zavoli era "un amico vero con cui spesso discutevo" e di cui elogia "la profondita', lo sforzo di capire, l'accoglienza, sapeva entrare nella dialettica, la sua umanita'. Alcuni di questi tratti sono le radici profonde di questa terra".

Passano a salutare Zavoli anche il presidente di Italian Exhibition Group Lorenzo Cagnoni e il sindaco di Santarcangelo di Romagna Alice Parma. E poco dopo le 18 ecco il presidente della Regione Stefano Bonaccini. Fermandosi con i giornalisti rimarca che "la voce di Sergio ci ha raccontato l'Italia come nessun'altra". È stata "una figura straordinaria, un gigante del '900" per questo, annuncia Bonaccini, si ragiona non solo su una o piu' intitolazioni, ma "su come raccontare e valorizzare il patrimonio intellettuale e materiale che ha prodotto".