Sabato 26 Settembre11:48:33
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Coronavirus: piscine, acconciatori ed estetisti: nuova ordinanza della Regione Emilia-Romagna

Nei negozi dei parrucchieri e degli estetisti, per i clienti, in alternativa ai guanti, sarà sufficiente l'igienizzazione delle mani

Attualità Emilia Romagna | 15:40 - 04 Agosto 2020 Nuova ordinanza della Regione Emilia-Romagna a firma del presidente Bonaccini Nuova ordinanza della Regione Emilia-Romagna a firma del presidente Bonaccini.

Nessun obbligo dell’uso della cuffia in piscina, a meno che non lo preveda già il regolamento interno della struttura. Per i clienti - sempre muniti di mascherina - che accedono ai negozi di parrucchieri ed estetisti, in alternativa ai guanti sarà sufficiente l’igienizzazione delle mani.
È quanto prevede la nuova ordinanza firmata oggi dal presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini: in base all’evoluzione epidemiologica si è ritenuto opportuno integrare le disposizioni dei Protocolli precedenti relativi a questi ambiti.
L’ordinanza fornisce chiarimenti sull’utilizzo della cuffia - che non è una misura anti-Covid - nelle piscine dell’Emilia-Romagna: non è obbligatorio, a meno che non sia già previsto dal regolamento delle singole strutture.
Per quanto riguarda i negozi dei parrucchieri e degli estetisti, a parziale modifica ed integrazione del precedente Protocollo, viene specificato che per i clienti (sempre muniti di mascherina) che vi accedono, in alternativa ai guanti basterà igienizzare accuratamente le mani. È inoltre soppressa la disposizione, precedentemente prevista, che imponeva “la rimozione dalla sala/spazio di attesa di tavolini, cuscini, riviste e sedie inutili”.
Infine, aumentano le risorse per la gestione dei rifiuti. Per il 2020, l’ordinanza prevede infatti che il Fondo d’ambito di incentivazione alla prevenzione e riduzione dei rifiuti venga ulteriormente implementato con altri 2 milioni di euro reperiti da Atersir (Agenzia territoriale dell’Emilia-Romagna per i servizi idrici e i rifiuti): risorse, queste, che verranno destinate ai Comuni.