Domenica 27 Settembre05:38:32
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Rimini: eventi 'abusivi' e improvvisati, regole non rispettate. L'attacco di Gianni Indino

"Abbiamo due avversari tremendi il covid-19 e l'abusivismo totale che imperversa sul nostro territorio", dice il presidente provinciale della Confcommercio

Attualità Rimini | 07:37 - 03 Agosto 2020 Gianni Indino Gianni Indino.

Feste non regolate né regolamentate, tanti giovani si ritrovano senza alcun controllo, postazioni abusive e tanto altro. Non risparmia nessuno il presidente provinciale della Confcommercio e presidente regionale del Silb Gianni Indino. In un post su Facebook il presidente tuona contro chi lucra sulle momentanee difficoltà di tanti imprenditori che, per seguire le regole anti-Covid, si trovano più in difficoltà. Mentre altri in barba a quanto imposto, continuano a fare come se niente fosse successo. Indino chiede l'intervento immediato delle amministrazioni "abbiamo due avversari tremendi il covid-19 e l'abusivismo totale che imperversa sul nostro territorio spiagge e colline comprese chi deve agire agisca non c'è più tempo".


Di seguito la nota del Presidente Gianni Indino

Non si può andare avanti così! è il momento di mettere un freno a questa deregulation totale sulle spiagge e non solo del nostro territorio, centinaia di ragazzi giovani in alcuni casi migliaia senza nessun controllo. In molti casi indisciplinati si radunano attorno ai chiringuito, in ville in aperta campagna in agriturismi, feste in vigna, picnic, disco bar improvvisati, (hanno sempre sostenuto di promuovere i prodotti del territorio anche se nella quasi totalità dei casi i prodotti del territorio erano sushi Asado olive ascolane e avanti così), è giunto il momento di prendere provvedimenti contro questo totale disinteresse da chi dovrebbe invece controllare che questo non accada e che non si verifichino situazioni di questo tipo, dj famosi ballerine, postazioni per somministrare abusive tutto questo senza che le amministrazioni della Riviera prendano provvedimenti, Tutto questo deve finire questi signori non hanno i permessi (non è sufficiente pagare la SIAE. Ci vogliono le autorizzazioni comunali deve passare la commissione di vigilanza non è così semplice) fare il nostro lavoro, Questi signori sono : (per utilizzare un eufemismo) poco corretti e lucrano sulle momentanee difficoltà di altri imprenditori ,tutto questo non è più tollerabile invitiamo le amministrazioni a prendere i provvedimenti necessari affinché questo scempio finisca, Noi oggi abbiamo due avversari tremendi il covid-19 e l'abusivismo totale che imperversa sul nostro territorio spiagge e colline comprese chi deve agire agisca non c'è più tempo.