Giovedý 06 Agosto02:19:43
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Carabinieri di Novafeltria: finisce con una denuncia la notte brava di quattro giovani

Minacce, botte, danneggiamento, prepotenza: responsabili quattro ragazzi dell'Alta Valmarecchia tra i 17 e i 19 anni

Cronaca Pennabilli | 14:35 - 01 Agosto 2020 Carabinieri (immagine di repertorio) Carabinieri (immagine di repertorio).

Lesioni personali, minaccia, danneggiamento, ricettazione e altro. Di questo dovranno rispondere quattro ragazzi, tra i 17 e i 19 anni, residenti in Alta Valmarecchia per aver avuto atteggiamenti prepotenti, spavaldi ed aggressivi in un locale di Pennabilli e all'esterno. I fatti risalgono alla notte tra il 27 e il 28 giugno, riguardano quattro giovani (due ragazzi e due ragazze) che avevano insultato e provocato in modo esagerato alcuni clienti di un noto locale pennese. Dopo averli infastiditi, avevano cercato di pagare le consumazioni con una carta di credito che non era di loro proprietà ma era stata smarrita da qualcuno. Con fatica i titolari del locale erano riusciti a farli uscire e, mentre stavano raggiungendo la porta, le due ragazze avevano insultato ed aggredito pesantemente due clienti. Le due donne hanno dovuto ricorrere alle cure dell'ospedale di Novafeltria. All'esterno, uno dei quattro giovani, un 18enne di Novafeltria,  non pago delle precedenti alzate di testa, ha lanciato dei sassi verso altri ragazzi all'esterno. Nessuno è rimasto ferito, due auto sono rimaste danneggiate al parabrezza e allo specchietto retrovisore. L'altro giovane è andato a casa con un ciclomotore Mbk Booster risultato rubato proprio a Pennabilli e restituito al proprietario dopo gli accertamenti.

I Carabinieri di Novafeltria, giunti sul posto, hanno ricostruito tutta la notte brava dei quattro, grazie anche alle numerose testimonianze delle persone presenti. I ragazzi sono stati denunciati e devono rispondere, tra le altre cose, di utilizzo indebito di mezzi elettronici di pagamento” alle ”lesioni personali e minaccia”, al  “danneggiamento”, alla “ricettazione”, nonché una cospicua richiesta di risarcimento danni da parte di diversi privati.