Sabato 15 Agosto13:04:04
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Trentenne ubriaco infastidisce i passanti a Villa Verucchio, arrestato per resistenza

Poteva cavarsela con una sanzione, invece è stato messo ai domiciliari e condannato a 5 mesi

Cronaca Novafeltria | 14:18 - 29 Luglio 2020 Due militari della compagnia di Novafeltria Due militari della compagnia di Novafeltria.

I carabinieri di Novafeltria hanno arrestato un 30enne pakistano domiciliato a Verucchio per resistenza a pubblico ufficiale e lesioni a pubblico ufficiale. L'intervento mercoledì sera a Villa Verucchio per calmare l'uomo, ubriaco e intento a infastidire alcuni passanti.

Vista la condizione in cui si trovava e il suo palese stato di agitazione che gli impediva di fornire le sue generalità, è stato richiesto l’intervento di un’autoambulanza che giunta sul posto constatava il suo stato di ebrezza alcolica. Invitato in caserma per l'identificazione si è mostrato poco collaborativo nei confronti dei militari, iniziando a urlare contro di loro avvicinandosi minacciosamente e prendendo poi a spingerli, anche nel tentativo di scappare. Bloccato a terra è anche riuscito a colpire con un calcio uno degli operanti al costato, tanto da costringerlo a rivolgersi al pronto soccorso dell'ospedale paesano. Una volta fatto salire in macchina si è anche accanito sull’autoradio: vista l'aggressività, in caserma è sopraggiunta poi una seconda pattuglia. Il giovane è stato dunque arrestato per resistenza, lesioni a pubblico ufficiale e per il rifiuto di fornire le proprie generalità e sottoposto agli arresti domiciliari. Giovedì mattina in tribunale è stato condannato a una pena di 5 mesi e 10 giorni di reclusione con la sospensiva, stante il fatto che risultava incensurato.