Venerd́ 14 Agosto10:21:25
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Le poesie del viserbese Pagliarani giovedì in fila alla biblioteca Gambalunga

A condurre l'incontro il critico Andrea Cortellessa

Eventi Rimini | 16:57 - 28 Luglio 2020 Il viserbese Elio Pagliarani Il viserbese Elio Pagliarani.

Sarà il critico letterario Andrea Cortellessa a presentare giovedì 30 luglio alle 21.30 nel cortile della biblioteca Gambalunga le poesie di Elio Pagliarani, di cui ha curato nel 2019 l’edizione integrale pubblicata per i tipi del Saggiatore.

Pagliarani è uno dei più importanti poeti italiani del Novecento, di origini viserbesi con una dell’esistenza vissuta a Milano e l’altra a Roma ed è principalmente noto per il poemetto La ragazza Carla (1960), inserito nell’antologia I Novissimi (1961, 1965), curata da Alfredo Giuliani, che raccolse i testi della emergente neoavanguardia. Come osserva Andrea Cortellessa nella sua Introduzione, quello che agli inizi poteva essere considerato tra i Novissimi un “moderato”, un realista attardato, si rivelò “di gran lunga il più scatenatamente sperimentale”. La sperimentazione, nei suoi testi, si realizza attraverso un costante approssimarsi al cuore di tenebra dell’esistenza. Come ha scritto  Fausto Curi: “nella poesia di Pagliarani il lettore percepisce l’atmosfera sociale della parola”. Poesia morale, dunque, oltre che corale, questa di Pagliarani, il poeta più “realista” della neoavanguardia, il poeta di un’epica di antieroi come la ragazza Carla, che si smalizia e quindi si “corrompe”.

Ne parleranno insieme al curatore, il poeta e scrittore Davide Brullo e la poetessa e scrittrice  Rosita Copioli. Parteciperà all’incontro Cetta Petrollo Pagliarani, autrice di Margutta 70 (Editrice Zona). La conversazione sarà scandita dalla lettura di versi a cura di Andrea Cortellessa.

Ingresso a posto libero non numerato (con prenotazione obbligatoria). Per l'accesso al cortile è obbligatorio l'uso della mascherina e la sanificazione delle mani con l'igienizzante disponibile all'ingresso.