Sabato 08 Agosto10:35:35
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Dal 2016 il Comune di Rimini ha recuperato 1 milione 375 mila di rette scolastiche insolute

Una cifra che permette di affrontare con più serenità le spese a sostegno della disabilità

Attualità Rimini | 13:37 - 24 Luglio 2020 Dal 2016 il Comune di Rimini ha recuperato 1 milione 375 mila di rette scolastiche insolute

Ha raggiunto una cifra davvero importante il totale dell’importo recuperato dalle rette scolastiche insolute: un'attività preziosa portata avanti dagli uffici comunali con grande costanza che dal 2016 al 2018 ha fatto ritornare nelle casse comunali 1 milione e 375 mila euro.

Ogni anno nel Comune di Rimini la spesa per la disabilità aumenta di una percentuale che va dal 7 al 10 per cento su una spesa base di 2 milioni. Sono 200-300 mila euro che ogni anno si aggiungono alla spesa storica del bilancio ordinario. Il recupero di queste somme consente all'ente di sostenere la spesa più alta in regione per il sostegno alla disabilità nel periodo estivo, in quanto il Comune garantisce a tutti i bambini la frequentazione dei centri estivi, che in questo anno addirittura viene garantito con un aumento delle ore individuali da 160 a 200.

Si tratta di casi molto diversi fra loro, da realtà familiari non omologabili in categorie, che a fronte di uno “zoccolo duro” di deliberata evasione, presenta anche situazioni di oggettiva difficoltà su cui si valutano tutte le possibili forme di dilazione e sostegno. In questo caso, oltre le rateizzazioni, si valutano anche altre forme di facilitazioni che vanno incontro ad una volontà oggettiva di pagamento.

Da una parte pugno duro verso i “furbetti”, dall’altra massima disponibilità verso chi si attiva per il pagamento. L’obbiettivo, come già segnalato, non è solo far rientrare una buona parte di queste risorse ma anche quello di segnare un cambio di passo importante nel rapporto tra amministrazione e cittadini nel nome dell’equità.