Sabato 08 Agosto10:53:04
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Coronavirus, Bonaccini rassicura sugli ultimi focolai: "Li cerchiamo uno a uno"

Dure le parole del presidente: "Guai a imbecilli e irresponsabili se ci fanno chiudere ancora"

Attualità Emilia Romagna | 18:42 - 23 Luglio 2020 Stefano Bonaccini Stefano Bonaccini.

"Stiamo andando a cercare uno a uno quelli che possono essere positivi. Vogliamo isolarli e togliere il rischio di contagio". Lo assicura il presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, commentando questo pomeriggio in collegamento con 'La vita in diretta' su Rai 1 il nuovo focolaio emerso in questi giorni in un residence a Rimini.

Sono nove i nuovi positivi trovati dall'Ausl grazie ai tamponi "ma in gran parte sono asintomatici", ci tiene a precisare Bonaccini. Che poi aggiunge: "Abbiamo imparato a contrastare il virus in maniera piu' efficace rispetto all'inizio dell'epidemia. Stiamo facendo tanti test sierologici e migliaia di tamponi. Chi viene dai Paesi extra Schengen viene messo in quarantena e gli facciamo il doppio tampone".

Oggi in Emilia-Romagna "abbiamo sei persone in terapia intensiva - aggiunge Bonaccini - e i ricoveri gravi non ci sono praticamente piu' da settimane. Pero' bisogna essere molto attenti e vigili". Secondo Bonaccini, si puo' "dire che il contagio oggi ha perso forza, ma chi dice che il virus e' stato definitivamente sconfitto o e' un imbecille o e' un irresponsabile. E io non vorrei che per colpa di qualche imbecille o irresponsabile, che non mantiene le prescrizioni ancora in vigore, ci trovassimo a chiudere tra qualche mese quello che faticosamente abbiamo riaperto".

Ad oggi in Emilia-Romagna "il 99% delle attivita' e' aperto- ci tiene a rimarcare il governatore- e per agosto si prevede un mese molto meno complicato per il turismo, perche' le persone stanno prenotando e affollando le nostre spiagge. Il turismo per noi e' molto importante e ho molta fiducia negli operatori" della Riviera. Bonaccini quindi ribadisce: "Noi siamo in campo per fare al meglio quello che va fatto. Ci stiamo dando da fare, vogliamo contrastare al meglio il virus" intervenendo "per evitare il propagarsi del contagio".