Marted́ 11 Agosto20:46:17
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Doveva scontare tre anni per furto in una abitazione, presa in stazione a Rimini

In una settimana la Polfer ha controllato quasi 2500 in Emilia Romagna 

Cronaca Rimini | 20:07 - 20 Luglio 2020 La stazione di Rimini La stazione di Rimini.

Quasi 2.500 persone identificate, 4 arresti e 31 denunce, 40 grammi di stupefacenti sequestrati. Sono le cifre dei controlli svolti la scorsa settimana dall Polizia Ferroviaria dell'Emilia-Romagna, con agenti in uniforme e in abiti civili che hanno vigilato sulla sicurezza dei viaggiatori sui treni e nelle principali stazioni. A Bologna, durante l'operazione 'Rail Safe Day', in uno stabile in disuso di proprietà delle Ferrovie è stata trovata e arrestata una latitante romena destinataria di un ordine di carcerazione: deve scontare tre anni di carcere per rapina ed altri reati contro il patrimonio. Due suoi connazionali che erano con lei sono stati denunciati per l'occupazione abusiva dello stabile. Tra gli altri arrestati ci sono, a Bologna, un cittadino tunisino responsabile di resistenza a pubblico ufficiale e possesso di droga e un albanese rientrato illegalmente in Italia dopo un'espulsione, mentre a Rimini a finire in manette è stata una cittadina romena che doveva scontare tre anni di carcere per un furto in abitazione a Pesaro. Fra i denunciati, è accusato di violenza sessuale un 27enne di Roma che, spacciandosi per uno stilista esperto di moda e di immagine, ha fatto pesanti avances e molestie a una viaggiatrice ventenne a bordo di un treno Roma-Milano. La ragazza si è rivolta al capotreno che a Bologna ha fatto intervenire la Polfer.