Domenica 09 Agosto01:36:27
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Donazione Organi: San Leo raggiunge il primato per il Progetto ‘Una Scelta in Comune’

Premiata da A.I.D.O. provinciale l’Amministrazione Comunale

Attualità San Leo | 17:15 - 20 Luglio 2020 La cerimonia di premiazione La cerimonia di premiazione.

Il 100% di dichiarazioni favorevoli alla donazione di organi tessuti e cellule. Questo il primato del Comune di San Leo, numero uno assoluto in Italia, che ha ricevuto un riconoscimento speciale. Questa mattina, lunedì 20 luglio,  a San Leo, A.I.D.O. Provinciale Rimini ha voluto premiare l’Amministrazione Comunale per aver raggiunto il ragguardevole primato del 100% di dichiarazioni favorevoli alla donazione di organi tessuti e cellule all’atto del rilascio o del rinnovo della carta d’identità.


La cerimonia di consegna dell’attestato, da parte del Presidente della Sezione Provinciale A.I.D.O. Riccardo Arpaia, al Sindaco di San Leo, Leonardo Bindi, si è svolta in forma privata nelle Sale del “Palazzo della Rovere”. Erano presenti anche la Presidente del Gruppo Intercomunale A.I.D.O. dell’Alta Val Marecchia, Lia Blatti, il Vicepresidente vicario di A.I.D.O. Provinciale Rimini, Francesco Chiaiese, alcuni funzionari del Comune di San Leo fra cui Pierdomenico Cenci dei Servizi Demografici e, in rappresentanza delle Forze dell’Ordine, il Capitano Carmelo Carraffa, Comandante della Compagnia Carabinieri di Novafeltria, e il Maresciallo Maggiore Ivo Tedde, comandante della Stazione Carabinieri di San Leo.


Nel suo breve discorso Riccardo Arpaia, Presidente della Sezione Provinciale A.I.D.O. di Rimini, ha voluto sottolineare come il “miracolo” del trapianto, che in Italia è quasi quotidiano, è il risultato di una catena di eventi che partono da molto lontano, da un semplice incontro che spinge il cittadino a dare il consenso al risveglio del paziente dopo il trapianto, con un organo nuovo e che funziona. Fondamentali, in questa catena, sono le figure di “eroi sconosciuti”: dal funzionario dell’Anagrafe del Comune, impegnato a informare i cittadini al momento del rilascio della carta d’identità, alle donne e agli uomini delle Forze dell’Ordine che scortano i pazienti, trasportano gli organi, fino alle équipe mediche incaricate dei prelievi e al personale Sanitario che si occupa del mantenimento degli organi.


“Con una semplice firma, il battito d’ali di una farfalla in Brasile, una catena di movimenti ha scatenato a centinaia, a migliaia di chilometri di distanza, il tornado che ha sconfitto, ancora una volta, la vecchia signora con la falce”, ha detto Riccardo Arpaia nel corso del suo intervento, concludendo: “Con questo modesto riconoscimento di A.I.D.O. all’Amministrazione Comunale di San Leo, vogliamo ribadire che i miracoli nascono dal basso, dalle azioni di semplici persone come voi. Persone che sanno che, facendo il loro dovere, possono vincere la morte in nome dell’Amore e della Solidarietà. A tutti Voi, grazie!”