Sabato 08 Agosto10:14:51
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Sulla Perla Verde sventola la bandiera gialla: Riccione si conferma Comune Ciclabile

Assessore Ermeti: "Ricompensa degli sforzi per rendere la città collegata ed ecologica"

Attualità Riccione | 14:44 - 20 Luglio 2020 Una delle piste ciclabili di Riccione Una delle piste ciclabili di Riccione.

Per il terzo anno consecutivo Riccione si conferma ComuneCiclabile ricevendo l'attestato della Fiab-Federazione Italiana Ambiente e Bicicletta 2020. L'attestato è stato assegnato per l'impegno profuso dalla città di Riccione "nella promozione e nella realizzazione di infrastrutture e politiche a favore della bicicletta". La valutazione della Fiab per Riccione anche quest'anno è quella delle tre "Biciclette". Come è noto il progetto ideato nel 2017 da Fiab-Federazione Italiana Ambiente e Bicicletta è finalizzato a verificare e valutare il grado di ciclabilità dei territori. Ad oggi sono ben 136 le città italiane su cui sventola la bandiera gialla di ComuneCiclabile: una realtà che, nell’insieme, rappresenta 9,3 milioni di persone, ovvero più del 15% della popolazione italiana. 


Riccione vanta una rete di piste ciclabili lunga 34 chilometri e mezzo. Quest'anno l'amministrazione comunale di Riccione ha dato il via ai lavori per il prolungamento della pista di viale Veneto. Quando il percorso sarà completo, la pista ciclabile di viale Veneto, tra percorso nuovo e quello preesistente, sarà lunga poco meno di 3 chilometri, per la precisione 2750 metri, e metterà in collegamento la zona a monte della Statale e dell'A14 con la zona dei centri sportivi. Il costo dei lavori è stato quantificato in 130.920 euro. Negli ultimi tre anni sono state diverse le piste ciclabili realizzate a Riccione: quella di viale Veneto con un primo tratto di 700 metri, poi quella di Raibano lunga 350 metri, quella di viale D’Annunzio di 500 metri che si collega con ulteriori 700 metri, passando da piazzale Giovanni XXIII fino a piazzale Azzarita e quindi al Lungomare della Costituzione. Nell'immediato futuro poi c'è il progetto dell’anello ciclopedonale che collegherà in circolo tutti gli impianti sportivi e che con una nuova pista ciclabile raggiungerà la zona mare e la ciclabile che costeggia il lungomare per congiungersi a viale Ceccarini. Infine a breve sarà realizzata la pista del Quartiere Studi che ricollegandosi alla pista di viale Ceccarini Monte percorrendo viale Castrocaro arriverà fino al parco della Resistenza.


"Siamo molto orgogliosi di ottenere questo importante attestato di livello nazionale per la nostra città - ha detto l'assessore all'Ambiente e lavori pubblici, Lea Ermeti -. Un mio ringraziamento va ai tecnici del settore Lavori Pubblici perché quello delle piste ciclabili è un minuzioso lavoro di progettazione, soprattutto quando si opera in un contesto in costante cambiamento come quello di una città come Riccione che vuole puntare sull'eccellenza in tutti i campi: ambientali, urbani e di qualità della vita".