Domenica 09 Agosto09:57:32
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Turismo, lavoro e cultura al centro dell'incontro tra giunta regionale, imprenditori ed esercenti

Il confronto è stato ospitato al teatro Galli durante il tour dell'esecutivo nel riminese

Attualità Rimini | 13:03 - 18 Luglio 2020 Stefano Bonaccini al teatro Galli di Rimini con la giunta regionale e il sindaco Andrea Gnassi Stefano Bonaccini al teatro Galli di Rimini con la giunta regionale e il sindaco Andrea Gnassi.

Si è conclusa al Teatro Galli la tappa riminese della giunta regionale che venerdì ha fatto visita al territorio. Dopo i sopralluoghi ai cantieri di piazzale Kennedy, al Parco del mare, Viserba e Torre Pedrera e prima di concludere la giornata a Santarcangelo, il presidente Stefano Bonaccini e la squadra di assessori si sono ritrovati nel teatro polettiano per l’incontro con i rappresentanti delle categorie economiche del territorio, per raccogliere istanze, preoccupazioni e suggerimenti.

A prendere la parola sono stati Maurizio Ermeti presidente del Forum piano strategico di Rimini, il presidente di Confcommercio Rimini Gianni Indino, la presidentessa di Federalberghi-Aia Patrizia Rinaldis, Isabella Pavolucci segretario generale di Cgil Rimini, il presidente provinciale di Confesercenti Rimini Fabrizio Vagnini, il presidente della Camera di Commercio dell’Emilia-Romagna Alberto Zambianchi e infine Giorgia Gianni, vicepresidente di Legacoop Romagna.

In apertura il saluto del sindaco Andrea Gnassi, che ha ricordato i tanti progetti che la città sta portando avanti e che rappresentano la chiave per reagire alla crisi determinata dall’emergenza Covid. «Rimini c’ anche con l’orgoglio di aver anticipato già da qualche anno alcuni dei processi che il Covid ha reso più evidenti e necessari a tutti».

Il presidente di Confcommercio Indino ha richiamato l’attenzione sulla necessità di avere maggiori risorse e liquidità immediate, indispensabili per poter accendere i progetti di rilancio dell’imprenditoria locale. «Ero uno dei principali critici del Parco del mare, oggi invece raccolgo tanti apprezzamenti dai nostri consociati. Vogliamo continuare a lavorare insieme». In qualità anche di presidente del Silb, Indino ha ribadito il grido di allarme per le imprese del mondo dell’intrattenimento della notte: se infatti la ristorazione e i pubblici esercizi hanno ripreso a lavorare anche grazie al protocollo operativo frutto del lavoro della Regione e dei Comuni, così non è per il mondo delle discoteche, che ancora attende di poter ripartire.

Patrizia Rinaldis non ha nascosto le preoccupazioni per una stagione difficile, ma che comunque vede aperti il 90% degli alberghi. Guardando al futuro ha sottolineato la necessità di una programmazione infrastrutturale su fiere e aeroporti. Sul tema delle risorse è intervenuta anche Pavolucci indicando quali principali priorità il supporto alla “industria dei turismi”, al settore manifatturiero, l’attenzione al lavoro dal punto di vista “qualitativo oltre che quantitativo” e non da ultimo la coesione sociale. Zambianchi invece si è soffermato sul tema della necessità di prorogare la cassa integrazione in deroga, mentre per Legacoop Giorgia Gianni ha indicato tre campi d’azione: sostegno alla cultura e a chi opera nel settore, attenzione a chi lavora nelle cooperative che si occupano dell’educazione, servizi di welfare e smartworking a sostegno in particolare dell’occupazione femminile.

Stimoli raccolti nell’intervento conclusivo dal presidente Bonaccini, che ha ricordato il piano di investimenti straordinario di 12,5 milioni di euro e anticipato la volontà di stanziare ulteriori finanziamenti per i progetti di riqualificazione del territorio provinciale, ad aggiungersi ai 34 milioni già investiti dalla Regione.