Sabato 08 Agosto08:36:33
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Calcio Promozione: Novafeltria, arriva Semeraro. "Corteggiato a lungo: 4 telefonate al giorno"

Le parole del centrocampista-attaccante: "Qui non per fare la comparsa. Voglio aiutare i giovani a crescere"

Sport Novafeltria | 11:15 - 18 Luglio 2020 Umberto Semeraro al momento della firma con il Novafeltria Umberto Semeraro al momento della firma con il Novafeltria.

di Riccardo Giannini

Il cesenate Umberto Semeraro, 28 anni compiuti a Febbraio, è l'uomo su cui poggia la ricostruzione in casa Novafeltria. Senza nulla togliere al valore degli altri acquisti operati (Hysa, Foschi e Indelicato) e ai prossimi arrivi, Semeraro sarà l'architrave del nuovo Novafeltria. A lui infatti saranno idealmente consegnate le chiavi del gioco. Cresciuto nel vivaio del Cesenatico, ha giocato in D con la maglia rossoblu e con il Forlì. Un campionato da protagonista con i "galletti" gli aprì le porte del calcio professionistico: lo acquistò il Parma, per poi girarlo a Gubbio. Successivamente Umberto fece una scelta di vita, tornò a giocare nel calcio dilettantistico emiliano romagnolo e nel campionato interno sammarinese. Ora ha scelto l'Alta Valmarecchia, Novafeltria, una piazza che vuole togliersi soddisfazioni, dopo una prima stagione di Promozione conclusa in anticipo, causa Covid-19, al quart'ultimo posto.

«I contatti con il ds Michele Sabba sono iniziati più di un mese fa. Mi chiamava ogni giorno 3-4 volte per convincermi. Ma ammetto che non ero molto convinto. Ho un rapporto molto stretto con "Momo" Montanari, l'allenatore della Del Duca Ribelle. E' stato difficile scegliere di "separarmi" da lui», spiega. «Sono stato corteggiato a lungo, neanche una donna riceve un corteggiamento così serrato (ride, n.d.r.). Alla fine le parole della società mi hanno convinto. Sono molto fiducioso. E so che c'è una tifoseria molto calorosa: queste cose mi esaltano». Il prossimo anno sarà di ricostruzione per il Novafeltria. Si vogliono mettere le basi per un futuro più ambizioso: «Il progetto non è a breve termine. Dovremo avere pazienza. Ma sono convinto che faremo bene: non sono venuto a fare la comparsa per sei mesi o un anno».

E' già determinato e motivato, Semeraro, giocatore di importanti qualità tecniche e umane. Lui e gli altri acquisti dovranno fare da chioccia al gruppo dei giovani novafeltriesi, qualcuno con alle spalle già un campionato di Promozione: «A Forlì in Serie D, prima di andare al Gubbio, a vent'anni giocai 32 partite su 34 da titolare. Feci bene perché il gruppo dei "veterani" era vicino a noi giovani, ci ha fatto crescere. E ora voglio fare lo stesso con i ragazzi che troverò in rosa». Tatticamente, Semeraro può ricoprire più ruoli: «Nasco esterno d'attacco, nel 4-3-3. Mi piace molto affrontare l'avversario nell'uno contro uno. A Gubbio ho fatto la mezzala, con Montalti ho fatto anche il mediano. In Eccellenza ho giocato prevalentemente da mezzala». Inoltre Semeraro è un abile esecutore di calci piazzati: i portieri prendano nota. A Novafeltria, invece, pregustano già le sue prodezze, con la voglia di mettersi alle spalle la prima dura stagione di apprendistato in Promozione.