Sabato 15 Agosto10:55:27
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Investimenti straordinari per 12,5 milioni di euro: all in della Regione in provincia di Rimini

L'annuncio della giunta in visita nel territorio. Fondi per almeno un progetto a comune

ASCOLTA L'AUDIO
Attualità Rimini | 16:05 - 17 Luglio 2020 Il presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini Il presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini.

Un programma di investimenti straordinario per la provincia di Rimini, pari a 12,5 milioni di euro che la Regione mette in gioco di tasca propria per finanziare almeno un progetto per ogni Comune che sia cantierabile nei prossimi mesi, partendo da settori strategici quali il recupero e la riqualificazione di spazi urbani e immobili, la mobilità sostenibile e le infrastrutture. Un piano condiviso con la conferenza territoriale e adottato dalla giunta regionale, che venerdì ha fatto il giro della provincia attraverso alcune tappe, tra cui Rimini, Cattolica, Sant'Agata Feltria, San Giovanni in Marignano, Santarcangelo, Riccione. L'iniziativa si ripeterà in ogni provincia, lasciando in cima alla lista le due che sono state più colpite dall'emergenza Coronavirus: per questo dopo Rimini, l'esecutivo andrà a Piacenza lunedì 20 luglio.

«Qui c’è un tessuto economico e sociale forte, ci sono capacità e talenti che meritano massima attenzione», sottolinea il presidente Stefano Bonaccini, «e noi vogliamo fare subito la nostra parte con un piano straordinario e risorse fresche che servano per mobilitare investimenti e attuare i progetti nati qui, nelle comunità locali, accelerando al massimo le procedure nel pieno rispetto della legalità».

Il piano riminese rientra nel programma straordinario di investimento per i territori colpiti dalla pandemia e aree montane ed interne con una dotazione di 40 milioni di euro, di cui 12,5 milioni per i comuni del riminese, 12,5 milioni per quelli della provincia di Piacenza, 1 milione per il Comune di Medicina, nel bolognese, e 14 milioni di euro per le aree interne e montane delle altre province di Parma, Reggio Emilia, Modena, Bologna, Ferrara, Ravenna, Forlì-Cesena, ripartiti appunto sulla base del numero degli abitanti di aree montane e aree interne (quella del Basso Ferrarese per Ferrara).

La giornata riminese della giunta regionale è iniziata da Sant’Agata Feltria, dove, accompagnato dal sindaco Guglielmino Cerbara, ha visitato il cantiere della strada provinciale 8 Santagatese. Lavori per la messa in sicurezza e il potenziamento di un’arteria strategica per la viabilità del territorio, sostenuti da 220 mila euro di risorse regionali. A seguire la visita a palazzo Corbucci a San Giovanni in Marignano e l’incontro con i sindaci della Valconca. Un’occasione per fare il punto anche con le otto amministrazioni della valle riunite in Unione, che ha proposto alla Regione lo sviluppo di nuove progettualità di più ampio respiro, che saranno al centro di una prossima visita di una delegazione della Giunta regionale a inizio agosto dedicata appositamente alla Valconca.

In tutta la Valmarecchia sono 11 gli interventi che sono stati già avviati all’interno dell’Accordo di programma quadro “Paesaggi da vivere”, per totale di quasi 6 milioni di euro di investimenti (finanziati al 97% dalla Regione e per la restante parte da cofinanziamenti locali). Una vera e propria strategia di sviluppo condivisa tra la Regione, le amministrazioni locali e lo Stato che rende disponibili complessivamente oltre 13,1 milioni di euro (8,6 milioni da fonte regionale, 3,7 milioni da fonte nazionale e circa 700mila euro di cofinanziamenti locali) per 39 interventi. Dall’agricoltura alla formazione, dalla sanità all’efficientamento energetico. Obiettivo: colmare il gap di servizi che esiste rispetto ai grandi centri urbani. Vanno in questa direzione anche gli interventi per la banda ultra-larga. L’agenda digitale della Regione Emilia-Romagna destina alla provincia di Rimini 11 miliono di euro cui si aggiungono 1,1 milioni per la realizzazione delle dorsali in fibra ottica.

ASCOLTA L'AUDIO