Luned́ 10 Agosto21:19:36
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Le baby gang tornano a spaventare la Riviera, parte anche l'interrogazione al Governo

La consigliera Vescovi di Riccione chiede un consiglio comunale straordinario. Croatti annuncia rinforzi

Cronaca Riccione | 16:44 - 15 Luglio 2020 Foto da internet Foto da internet.

Torna la paura baby gang sulla Riviera, in particolare a Riccione dove proprio martedì sera si è registrata l'ennesima 'aggressione a danno di tre giovani turisti da parte di un gruppo di stranieri con l'intento di rubare loro dei soldi, il tutto verso le 23.30 in viale Ceccarini.

«Alla luce degli ennesimi numerosi e gravissimi episodi criminosi che coinvolgono gang di giovanissimi siamo costretti a richiedere la convocazione di un consiglio comunale straordinario e urgente che unisca le forze politiche della città nell’affrontare insieme a prefettura e questura la grave e severa situazione riccionese», scrive la consigliera Sabrina Vescovi. «Duole doversi appellare ad un consiglio comunale straordinario dovendo rilevare il disinteresse del primo cittadino nell’affrontare questa situazione di emergenza. Forse imprevedibile ma di certo non trascurabile. La situazione è talmente seria che non c’è tempo da perdere. La città chiede risposte e chiede sicurezza».

Il fenomeno delle baby gang è finito peraltro al centro di una interrogazione parlamentare a firma dei senatori emiliano-romagnoli di Forza Italia, la capogruppo Anna Maria Bernini, Enrico Aimi e Antonio Barboni, indirizzata al Ministro dell’Interno per chiedere di farsi carico, con iniziative di competenza, dell’emergenza legata al fenomeno delle baby gang, potenziando al contempo gli organici delle Forze dell’ordine per garantire adeguati livelli di sicurezza.

Già nei giorni scorsi la senatrice Bernini era intervenuta, fortemente preoccupata per l’escalation di violenze messe in atto da giovanissimi ai danni di coetanei, in particolare lungo la Riviera romagnola. «I dati statistici confermano purtroppo un aumento di casi sul territorio nazionale di microcriminalità e atti violenti compiuti da minori organizzati in gruppi. Nonostante l’impegno profuso dalle Forze dell’ordine, che non smetteremo mai di ringraziare per il loro operato quotidiano, sono oggi necessarie risposte decise da parte delle Istituzioni, che vadano nella direzione di percorsi di riabilitazione e rieducazione di questi minori protagonisti di condotte altamente devianti. Tali comportamenti sono la spia di un disagio diffuso, magari dovuto a difficoltà ambientali, economiche, culturali e sociali, e per tale motivo occorre intraprendere azioni forti, volte a individuare i fattori di rischio. C’è inoltre necessità di disporre un costante monitoraggio del fenomeno, che in questi anni purtroppo è mancato o non è stato del tutto efficace».

In giornata il senatore 5 Stelle Marco Croatti annuncia con un comunicato che la Questura di Rimini, d’intesa con la direzione centrale Anticrimine, ha elaborato un piano operativo denominato “Estate 2020 – Operazione Alto Impatto” per i territori comunali della riviera tra cui Rimini, Riccione e Bellaria Igea Marina che ha previsto l'invio di 7 equipaggi del reparto prevenzione Crimine, a cui si aggiungeranno ulteriori 3 equipaggi da oggi al 15 agosto. Questi rinforzi si aggiungono ai 22 agenti assegnati in via permanente e definitiva alla Questura di Rimini e operativi già dallo scorso mese di giugno. «Su tali basi si è proceduto all’apertura dei posti di polizia stagionali a Riccione e a Bellaria e sono stati intensificati i servizi di controllo del territorio nella città di Rimini.
Questa particolare e difficile stagione estiva post lockdown sarà gestita in modo diverso rispetto agli scorsi anni. A Rimini avremo dunque un organico a pianta stabile più alto con l’integrazione di rinforzi estivi che potranno aumentare ulteriormente, in caso di previsione di eventi di particolare rilevanza e delicatezza sotto il profilo dell’ordine pubblico, previa intesa tra il Prefetto ed il Questore. L’auspicio è che le prossime settimane mostrino una consistente crescita dei flussi turistici in Riviera. Se necessario potremo richiedere ulteriori rinforzi per garantire ai riminesi e ai nostri ospiti massima sicurezza e serenità».