Mercoledý 05 Agosto16:21:30
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Caso Dentix "Rate sospese almeno sino a fine agosto"

Adiconsum: "È una prima vittoria, ma non siamo ancora soddisfatti"

Attualità Rimini | 11:34 - 14 Luglio 2020 Lampada dentista Lampada dentista.

Proseguono e registrano i primi frutti le azioni messe in campo da Adiconsum Emilia Romagna per assistere i pazienti emiliano-romagnoli che sono rimasti coinvolti dalla chiusura delle sedi di Reggio Emilia, Carpi, Imola, Ferrara, Piacenza, Forlì, Ravenna e Rimini di Dentix Italia a seguito di presentazione di istanza pre-fallimentare della “casa madre” spagnola e, ora, di concordato preventivo.
Per i tantissimi che si sono rivolti ad Adiconsum, Associazione consumatori promossa dalla Cisl perché con lavori odontoiatrici lasciati a metà e finanziamenti associati comunque da onorare, sono state presentate diffide ad adempiere entro il termine di legge e, successivamente, istanze alle finanziarie per ottenere lo scioglimento del contratto e la restituzione delle rate versate, come previsto dall’art 125-quinques del Testo Unico Bancario. Priorità è stata inoltre data alle richieste di sospensione immediata delle rate correnti, per evitare che oltre al danno sul piano della salute, i malcapitati venissero anche “colpiti” da segnalazioni come cattivi pagatori.
Sono proprio le finanziarie a farsi ora vive, segnalando l’attivazione di task force dedicate solo ed esclusivamente alla gestione dei clienti di Dentix Italia e rassicurando sulla sospensione delle rate “almeno fino a tutto il mese di agosto”.
«È una prima vittoria, ma non siamo ancora soddisfatti» – commenta Fulvio Biondi, Presidente di Adiconsum Romagna – «Ci piace molto meno che la buona notizia della sospensione dei pagamenti venga accompagnata dal presunto studio della possibilità di proseguimento delle cure interrotte: il rapporto tra i consumatori e Dentix è ormai pregiudicato da quanto accaduto e ci sono situazioni che non possono comunque attendere. I pazienti da noi assistiti hanno esercitato correttamente i loro diritti e devono essere ora loro a scegliere da chi ricevere ulteriori cure dentali».