Martedý 11 Agosto02:13:20
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Elezioni 2021 Rimini: Pd cerca il successore di Gnassi

Il segretario provinciale Sacchetti: "sarà coerente con i dieci anni di lavoro della giunta Gnassi"

Attualità Rimini | 15:30 - 07 Luglio 2020 Filippo Sacchetti, segretario Pd Rimini Filippo Sacchetti, segretario Pd Rimini.

Il Partito Democratico di Rimini inizia le manovre in vista delle elezioni comunali del 2021: in gioco c'è la successione ad Andrea Gnassi, sindaco eletto per due mandati. Il segretario Filippo Sacchetti, a margine della riunione del direttivo del pd riminese, commenta: "Partiamo per un percorso con una valigia piena di idee e progetti per la città che vanno consolidati e rilanciati perché sono i cardini su cui si sono costruiti questi ultimi 10 anni - evidenzia - due mandati di grande e profondo cambiamento per Rimini aggregando un crescente consenso in città, del quale proprio ieri il Sole 24 ore ha dato nuovo e tangibile riscontro". Sacchetti elogia l'amministrazione comunale riminese e i progetti portati a termine "che cambiano il modello di sviluppo e l'idea di qualità della vita", cioé "sistema fognario, mobilità sostenibile, zero consumo di suolo, motori culturali, rigenerazione del lungomare". In merito al nuovo candidato, Sacchetti rileva che la scelta di esso e della squadra "saranno di conseguenza e coerenti alle premesse, alla visione di futuro, all'innovazione, alla capacità di  essere ancora in sintonia con questa città che grazie al lavoro di questi anni suona bene nelle orecchie di mezza europa, città italiana e protagonista della crescita regionale e romagnola". Sacchetti evidenzia; "Il nostro è un progetto politico aperto a tutti coloro che si riconoscono nella Rimini in movimento, nella città che cambia, nella città aperta che accoglie e mai respinge", "a chi ha idee, cittadini e realtà organizzate", "a tutti coloro che non si riconoscono nella destra di Salvini e Meloni, chi non accetta la paura, la discriminazione, la chiusura, la becera propaganda sulla pelle di chi soffre". Un chiaro invito ai moderati e ai candidati civici a sostenere il sistema d'alleanze in vista delle elezioni del 2021.