Mercoledý 05 Agosto15:35:49
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Aveva donato un rene al nipote riminese, cade in un fosso e rischia la vita, salvato dal cane

E' successo in provincia di Sondrio, l'uomo è ricoverato in ospedale e medita una denuncia

Attualità Rimini | 10:35 - 07 Luglio 2020 Operatori del 118 Operatori del 118.

È finito in uno scavo non segnalato e ha rischiato di morire. Vittima del grave incidente Sergio Lotti, 60 anni, originario di Borghi (Forlì-Cesena) che il 4 marzo si è sottoposto all'asportazione del rene destro, donato al nipote Marco 35enne, industriale di Rimini che rischiava la vita. L'uomo durante una passeggiata serale con il suo cane è finito in un buco di un cantiere edile aperto. 
"Era buio e non c'erano cartelli - ha dichiarato Lotti, ricoverato a Sondrio  - Sono rimasto a terra svenuto per oltre mezz'ora. A salvarmi sono state le leccate al volto del mio cane Pulce. Mi ha fatto rinvenire e ho dato l'allarme". Ora Sergio Lotti sta valutando di presentare denuncia penale.