Venerd́ 14 Maggio13:45:14
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Parte "Lavoro! Libere tutte", progetto per valorizzare il lavoro femminile in provincia

Saranno fatte diverse proposte formative gratuite per aziende e lavoratrici

Attualità Rimini | 17:26 - 02 Luglio 2020 Lo staff tutto al femminile del progetto "Lavoro! Libere tutte" Lo staff tutto al femminile del progetto "Lavoro! Libere tutte".

Al via “Lavoro! Libere tutte”, il nuovo progetto per valorizzare il lavoro femminile realizzato dall’ufficio Pari opportunità della Provincia di Rimini con il sostegno della Regione Emilia-Romagna e il coinvolgimento di numerosi soggetti, dalla Rete Pari Opportunità della Provincia di Rimini a Istituzioni, Enti e Associazioni. 

Il progetto ha l’obiettivo di promuovere la presenza paritaria delle donne nel mondo del lavoro e si articola in alcune proposte formative gratuite a cui possono partecipare le aziende e le lavoratrici. La prima proposta che parte adesso, incentrata sul concetto di welfare aziendale come leva di produttività, è rivolta alle aziende e prevede un percorso gratuito per migliorare la qualità della vita dei dipendenti e le performance aziendali.

Possono aderire al percorso le imprese con oltre 15 dipendenti, con priorità per quelle ubicate nei Comuni dell’entroterra della Provincia di Rimini e con oltre il 30% di donne lavoratrici. Attraverso 3 tappe (analisi, formazione e consulenza personalizzata in azienda), aiuterà le imprese a comprendere il clima aziendale dopo l’emergenza Covid-19 e fornirà loro, attraverso dati scientifici, un contributo alle scelte organizzative e al miglioramento delle performance economiche e sociali. Aiuterà infine le imprese a definire e a sperimentare, sotto la guida di un pool di consulenti, azioni concrete per il welfare aziendale.

Sono aperte anche le adesioni alla seconda proposta del progetto, quella rivolta alle donne lavoratrici (autonome, professioniste, lavoratrici dipendenti) e per le quali verranno organizzati corsi di formazione dal mese di ottobre a Bellaria-Igea Marina, Cattolica e Riccione. È possibile effettuare una pre-adesione entro il 30 settembre 2020 direttamente on line.

< Articolo precedente Articolo successivo >