Sabato 04 Luglio13:51:49
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Sanità, Lega chiama Carradori in regione: "Dica cosa fa in Romagna"

Pompignoli chiede di audire nuovo direttore generale 

Attualità Emilia Romagna | 12:35 - 30 Giugno 2020 Tiziano Carradori, nuovo direttore dell'Ausl Romagna Tiziano Carradori, nuovo direttore dell'Ausl Romagna.

La Lega chiama il nuovo direttore dell'Ausl Romagna, Tiziano Carradori, in commissione regionale "in modo che possa illustrare ai consiglieri regionali i suoi progetti sulla sanita' romagnola". Lo chiede il consigliere regionale del Carroccio, Massimiliano Pompignoli, alla presidente della commissione Salute, Ottavia Soncini, nella replica a una risposta dell'assessore regionale Raffaele Donini riguardo ai posti di terapia intensiva in Romagna. Il Carroccio, infatti, riteneva che i posti fossero concentrati su Rimini e Donini ha replicato che invece sono diffusi in tutta la Romagna. Pompignoli, dichiarandosi parzialmente soddisfatto, ha poi chiesto di audire Carradori in commissione. Una richiesta che arriva in un momento di 'fibrillazione' nella sanita' romagnola, dopo la nomina di Carradori a direttore generale, dopo la fine del mandato di Marcello Tonini. Sabato, infatti, il sindaco di Rimini, Andrea Gnassi in una nota aveva rilanciato l'appello (di venerdi') dei 14 sindaci della provincia in cui si chiedeva alla Regione e alla nuova direzione dell'azienda sanitaria precise garanzie sul progetto di Area vasta, su cui "non si torna indietro". E ieri l'Ufficio di presidenza della Conferenza territoriale sociale e sanitaria (Ctss) dando il via libera unanimemente alla nomina del nuovo direttore generale dell'Ausl Romagna ha chiesto anche alla Regione un confronto sugli obiettivi di mandato della nuova direzione. Sempre il sindaco di Rimini ha infatti sottolineato il bisogno "di una reale valutazione dei risultati raggiunti dalla sanita' con il processo aggregativo" e di "essere chiari e trasparenti sugli obiettivi da raggiungere di qui in avanti". I sindaci hanno poi evidenziato come sia necessario "modificare i troppo generici intenti sottopostici all'ultimo momento" sul mandato di Carradori.