Marted́ 14 Luglio19:29:07
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Street art a Cattolica, procede a grandi passi il percorso partecipativo Cittadinarte

In corso il censimento dei luoghi comunali disponibili per la rigenerazione urbana attraverso graffiti e murales

Attualità Cattolica | 16:21 - 29 Giugno 2020 La riunione del percorso Cittadinarte a Cattolica La riunione del percorso Cittadinarte a Cattolica.

Venti spazi comunali a Cattolica potranno essere presto oggetto di un ampio progetto di riqualificazione urbana attraverso l'arte di murales e graffiti tramite il percorso partecipativo “Cittadinarte". Il progetto "street e social art per la rigenerazione urbana” lanciato dal Comune di Cattolica e cofinanziato dal bando per la partecipazione 2019 della Regione Emilia Romagna.

La Commissione per la qualità architettonica e il paesaggio sta vagliando segnalazioni e luoghi che presto saranno resi noti sulla pagina web dedicata e sui canali social del Comune. L'elenco potrà essere integrato con la disponibilità anche di privati, di superfici da rigenerare attraverso la street art. Altre proposte non direttamente collegate al progetto, indirizzate all'amministrazione e apparse nei giorni scorsi sui social e sulla stampa locale, sono frutto di iniziative autonome che il Comune si auspica possano essere eventualmente integrate nelle proposte operative che si raccoglieranno via via durante le attività del percorso.

Presto partiranno anche i laboratori pubblici per cittadini, associazioni, comitati di quartiere, stakeholder del territorio. Il percorso prevede dunque una coprogettazione con la cittadinanza e le diverse realtà sociali e rappresenta un’opportunità per rendere il territorio vivo, coniugando l’arte al paesaggio urbano attraverso forme di aggregazione sociale. L’obiettivo è anche quello di ripensare lo stereotipo della street art destinata esclusivamente ad un target giovanile, coinvolgendo, nell’individuazione dei futuri interventi d’arte urbana, muralisti di ogni fascia d’età e dai diversi stili. In tal senso rappresentano precedenti importanti, dal punto di vista metodologico, le esperienze del “Laboratorio di Educazione all'Immagine” interno ai Servizi didattico-pedagogici del Comune.