Domenica 05 Luglio10:07:56
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Nuovo spazio verde per Rimini: a San Giuliano mare nasce il Giardino della Balena

Alle 19.30 l’inaugurazione ufficiale alla presenza del sindaco Andrea Gnassi

Attualità Rimini | 16:02 - 29 Giugno 2020 Piazzetta della Balena Piazzetta della Balena.

Dalla "barafonda" di San Giuliano Mare e' partito il processo di riqualificazione ambientale di Rimini "dal basso", ovvero realizzato dalla partecipazione di cittadini, comitati di quartiere e volontari civici. Da una "calorosa" piazza della Balena, a San Giuliano Mare, il sindaco Andrea Gnassi presenta oggi "l'urban garden" realizzato con il concorso di comitato turistico San Giuliano Mare, Giardini d'autore e Civivo e questa sera (lunedì 29 giugno) alle 19.30 il "taglio del nastro" ufficiale, anticipato alle 18 dal laboratorio di giardinaggio gratuito per bambini. Un 'herbarium urbano' sperimentale, di oltre 20 specie ed essenze vegetali messe a dimora e' stato realizzato grazie a un crowdfunding sostenuto da residenti, turisti, attivita' economiche, ai vivaisti che hanno donato le piante, al mese di lavoro di volontari e comitato locale: si da' cosi' nuova vita alla piazza della Balena e alla sua fontana-scultura che omaggia il capodoglio "spiaggiato" a San Giuliano nel lontano 1943. L'iniziativa, promossa dal Comune e dal Piano strategico di Rimini, conferma l'attenzione alla riqualificazione ambientale della citta' e, allo stesso tempo, rappresenta un trampolino del processo di coinvolgimento dei riminesi per la cura di angoli, via e piazze. "Rimini ha anticipato i processi di cambiamento per la riqualificazione ambientale- spiega Gnassi- oggi abbiamo ampi spazi di ritrovo, piazze, la pista ciclabile sul lungomare", per citarne alcuni. "In questi sette-otto anni di nuova mobilita' e cambio dal cemento al verde, questa piazza rappresenta un inizio- prosegue- era un luogo degradato, oggi e' l'inizio di un percorso: da questo angolo fino alla darsena, parte la riqualificazione realizzata attraverso un processo partecipato". Di qui i ringraziamenti per chi ha messo del suo nella realizzazione dell"urban garden".