Giovedý 09 Luglio19:26:37
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Turismo: in agriturismi vacanze lunghe e meno stranieri

Partenza lenta, ma soddisfatti: tornano gli italiani in Romagna

Turismo Emilia Romagna | 16:30 - 27 Giugno 2020 Agriturismo Agriturismo.

La buona notizia e' che la meta' degli agriturismi con pernottamento associati a Confagricoltura in Emilia-Romagna, il 50% delle oltre 1.100 strutture presenti in regione, registra il tutto esaurito per i mesi di luglio e agosto. Quella cattiva evidenzia invece il forte rallentamento del turismo straniero, uno scenario in controtendenza con il recente passato che ha visto crescere anno dopo anno la percentuale di ospiti provenienti da oltre confine, anche da paesi extra-europei, fino a raggiungere una quota vicino al 25% del totale dei visitatori. L'associazione agricola fa il punto sulla stagione estiva negli agriturismi dell'Emilia-Romagna. Tra le buone notizie anche la durata dei soggiorni: le prenotazioni hanno una durata piu' lunga del solito, una settimana e oltre. A questo dato, fa da contrappunto quello sui turisti stranieri. Sono proprio gli agriturismi che da Piacenza a Rimini hanno puntato sull'incoming a soffrire di piu' dei contraccolpi inarrestabili del Covid, certifica Confagricoltura. In Romagna va segnalato che il turismo dall'Italia sta compensando in parte la mancata presenza degli stranieri, tedeschi in primis. "La ripresa e' lenta ma siamo soddisfatti della nuova strategia dell'accoglienza proposta per la fase 2, con dei punti di forza: poche camere, location rurali, itinerari sicuri con cene in vigna e pic-nic sotto l'albero, addetti al settore formati sotto il profilo psicologico per fronteggiare in maniera efficace i timori della gente nell'era post-Covid", osserva il presidente regionale degli agriturismi targati Confagricoltura, Gianpietro Bisagni.