Martedý 07 Luglio14:19:17
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Asili privati che rischiano la chiusura, arriva un contributo di 96mila euro

Un fondo straordinario regionale che sarà impiegato in due blocchi

Attualità Rimini | 12:22 - 24 Giugno 2020 Bambini all'asilo Bambini all'asilo.

Non sono pochi gli asili privati che, dopo il lockdown, stanno riflettendo a fondo sulla possibilità o meno di riaprire il prossimo anno scolastico. Per loro, che a Rimini valgono circa un terzo dell’offerta complessiva per i 0/3 anni, la Giunta del Comune di Rimini ha dedicato 96 mila euro. Si tratta di un fondo straordinario della Regione Emilia – Romagna che, tramite le indicazioni contenute nella delibera di giunta comunale appena approvata, sarà impiegato in maniera modulare.
Un primo blocco sarà uguale per tutti, e riguarderà un contributo ai gestori di circa 164 euro a bimbo (con riferimento a quelli iscritti al 24/2/2020), per un totale previsto di circa cinquanta/sessanta mila euro.
Un secondo blocco, invece, sarà rimodulato in maniera variabile, andando a sostenere i costi incomprimibili delle strutture, come ad  esempio l’affitto, le bollette, i commercialisti, la sicurezza e via dicendo. In questo caso il contributo sarà parametrato ai costi effettivamente rendicontati e sostenuti. Il concetto alla base è di andare a coprire in maniera priorità quelle strutture che più hanno pagato in termini economici il mancato incasso delle rette nel periodo del lockdown.


“Un sostegno concreto – spiega l’assessore Morolli - in un momento dove alcuni asili privati – parliamo di quelli convenzionati con il Comune - stanno lottando per la sopravvivenza. Un rischio che non ci possiamo permettere, perché circa un terzo della nostra offerta passa da loro. A fronte dei più di 600 bimbi ospitati nelle nostre strutture, il blocco privato ne copre circa 300. L’utilizzo in maniera modulare dei contributi regionali parte dalla necessità di aiutare prioritariamente chi, a fronte di una comune riduzione degli introiti da rette, ha dovuto sostenere maggiori costi fissi. Una analisi che parte da lontano, con un confronto diretto che il Comune ha portato avanti con i gestori, in maniera da poter accogliere i loro specifici bisogni, e decidendo insieme come poter modulare nella migliore maniera le risorse dedicate. Un sostegno grazie al quale, inoltre, contiamo di dare risposta nel prossimo anno ad un numero maggiore di famiglie riminesi”.