Sabato 04 Luglio14:07:25
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Rimini, uccide la moglie malata soffocandola con un sacchetto di plastica e tenta il suicidio

Il tragico episodio lunedì mattina a Rivabella, l'uomo è in ospedale e non sarebbe in pericolo di vita

Cronaca Rimini | 11:24 - 22 Giugno 2020 Sul posto i carabinieri di Rimini e una volante della squadra mobile della Questura Sul posto i carabinieri di Rimini e una volante della squadra mobile della Questura.

Un uomo di 75 anni ha ucciso la moglie, malata di Alzheimer, soffocandola con un sacchetto di plastica in testa. Dopo aver ucciso la compagna, anch'essa 75enne, ha tentato di togliersi la vita allo stesso modo. L'uomo è stato salvato dalla badante. E' successo questa mattina a Rimini, in via Coletti a Rivabella. Ora l'anziano è ricoverato in Ospedale e non sarebbe in pericolo di vita. Sul posto i carabinieri di Rimini e una volante della squadra mobile della Questura. Sopralluogo anche del medico legale e del magistrato di turno Luca Bertuzzi.

"In questo momento non abbiamo elementi per accreditare l'ipotesi dell'omicidio e tentato suicidio - ha detto l'avvocatoStefano Amati, amico della famiglia -. Sappiamo solo che la signora  deceduta durante la notte e per le sue condizioni di salute potrebbe anche essere un decesso naturale. Per la disperazione il marito avrebbe potuto tentare un atto insano prendendo dei farmaci". L'uso di farmaci, calmanti o tipo sonniferi, sarebbe anche tra le ipotesi investigative, ma solo l'autopsia potrà accertare se il decesso della 75enne sia stato per soffocamento o per altre cause.