Domenica 12 Luglio11:26:02
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Ripartito il mercato di artigianato artistico di Misano con tante novità

45 espositori, molti nuovi, immagine rinnovata, tutto in sicurezza

Attualità Misano Adriatico | 11:48 - 19 Giugno 2020 Taglio del nastro per il Mercatino di Misano Taglio del nastro per il Mercatino di Misano.

Misano riparte. Da giovedì semaforo verde al rinnovato mercatino dell’artigianato artistico, gestito da CNA che s’è aggiudicata il bando per la gestione nei prossimi anni.

45 gli espositori, un’immagine rinnovata e coordinata, con tutti i banchi uguali e coerenti nell’immagine grafica. Il mercatino 2020 si è arricchito con l'arrivo di nuovi espositori che hanno consolidato la qualità complessiva. Due gli appuntamenti settimanali: il mercoledì a Misano Brasile e il giovedì a Misano centro, fino al 10 settembre.

 
“L’iniziativa di CNA e degli operatori – commentano il Sindaco Fabrizio Piccioni e l’Assessore alle attività economiche Filippo Valentini - è un altro elemento significativo che si aggiunge in questa fase di ripartenza. E’ un appuntamento tradizionale che due volte la settimana arricchisce l’offerta a turisti e cittadini con la produzione dell’artigianato artistico del territorio. Abbiamo chiesto a CNA uno sforzo sulla qualità e uniformità degli allestimenti, il risultato soddisfa pienamente l’amministrazione e auguriamo a tutti coloro che lo compongono un’estate positiva”.

 

“Quella del mercatino dell’artigianato artistico di Misano - dice Davide Ortalli, direttore di CNA Rimini - è una realtà consolidata, un appuntamento fisso che come CNA ci vedrà, con l’aggiudicazione del bando, protagonisti come organizzatori fino al 2026. Un successo che parte da lontano, soprattutto grazie all’intuizione di una figura importante come Antonio Magnani, scomparso lo scorso autunno ed autentico punto di riferimento per tanti anni di tutti gli espositori. Se oggi questa realtà è così dinamica, viva ed in crescita è proprio grazie alla grande passione di Antonio che oggi ricordiamo con tanto affetto, seguendo il solco che ha tracciato”.