Giovedý 02 Luglio14:38:56
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Falsi verbali: in appello condannati due Carabinieri. Assolti da accusa di concorso in spaccio

La pena è di un anno, sospesa all'espletamento dei lavori socialmente utili

Cronaca Rimini | 14:41 - 17 Giugno 2020 In primo grado i Carabinieri erano stati assolti da tutte le accuse In primo grado i Carabinieri erano stati assolti da tutte le accuse.

Sono stati condannati in appello a un anno di reclusione, pena sospesa all'espletamento dei lavori socialmente utili, un capitano e un luogotenente dei Carabinieri, per aver falsificato verbali di arresto e perquisizione durante il loro servizio presso i Carabinieri di Rimini. La sentenza di assoluzione in primo grado del gup del Tribunale di Rimini, Sonia Pasini, era stata appellata dal Sostituto Procuratore Davide Ercolani. Confermata l'assoluzione per il capo di imputazione di concorso in spaccio. E' stato invece condannato per traffico di droga, in appello, a un anno e 8 mesi A.S., considerato dagli inquirenti un intermediario tra i pusher arrestati dai due Carabinieri. Le indagini che erano state condotte dagli stessi militari del Comando Provinciale di Rimini si concentrarono su un verbale di arresto e perquisizione e sequestro penale, dell'ottobre del 2008, nel quale si ometteva proprio la presenza di A.S.. Secondo gli inquirenti in tal modo i militari avevano coperto la fonte e colui che aveva fatto da mediatore tra il venditore e compratori di droga.