Giovedý 09 Luglio18:41:57
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Striscione al flash mob contro razzismo: "La Polizia uccide". Lo sdegno del Sap

Il segretario Roberto Mazzini: "Aumentano le espressioni di odio contro la Polizia"

Attualità Rimini | 16:04 - 14 Giugno 2020 Striscione Polizia Striscione Polizia.

Preoccupazione del Sindacato Autonomo di Polizia per l'aumento a Rimini "delle espressioni di odio contro la Polizia": scritte sui muri, le ultime a maggio in spiaggia e nel parco Peep di Viserba Monte, ma anche atti vandalici, "sulle vetture parcheggiate nei pressi della Questura, scritte sulla carrozzeria, gomme bucate, lampeggianti staccati, tergicristalli rotti".  Il segretario provinciale del Sap, Roberto Mazzini rileva: "Nel centro storico spuntano come funghi sui muri riferimenti a questo odio incomprensibile verso chi ogni giorno esce di casa per la sicurezza del paese, e capita, purtroppo, che non ne faccia più ritorno".  Infine venerdì, durante il flashmob contro il razzismo, in memoria di George Floyd, è stato esposto uno striscione con scritto "La Polizia uccide" (striscione che peraltro ha suscitato la reazione sdegnata dell'assessore comunale Jamil Sadegholvaad, presente sul posto). Spiega Mazzini: "Quanto avvenuto in America è da condannare fortemente, e i poliziotti americani risponderanno del gesto compiuto ma il razzismo non ha mai una buona ragione nè una giustificazione per instillare odio". Per Mazzini c'è il rischio che "questa campagna di odio contro le forze dell'ordine si estenda a dismisura, fino a diventare incontrollabile", per cui il Sap Rimini fa un appello "a tutte le forze politiche, agli amministratori locali" , affinché condannino "con forza questi gesti ed ogni tipo di odio, anche quelli contro le forze dell’ordine".