Domenica 05 Luglio02:29:24
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Aliquote Imu bloccate, esenzioni Tari e Imu: il Comune di Rimini le finanzia con 6-7 milioni "extra"

L'assessore Brasini: "Governo non all'altezza dei problemi vissuti da Comuni e imprese"

Attualità Rimini | 16:52 - 13 Giugno 2020 Gianluca Brasini Gianluca Brasini.

Il Comune di Rimini annuncia "una serie di misure coraggiose per andare incontro alle categorie economiche più colpite dagli effetti della pandemia da nuovo coronavirus". L'assessore Gianluca Brasini critica il governo, responsabile di non aver dato "risposte all'altezza dei problemi che i Comuni e le imprese stanno vivendo".  Nel mirino anche la disposizione che impone il pagamento dell'Imu, entro il 16 giugno, solo per la parte di competenza dello Stato: "Certo che potete spostare la scadenza - hanno scritto alle amministrazioni comunali –, ma solo per la parte che riguarda i Comuni e non quella destinata allo Stato. Come fosse semplice. Oltrettutto confligge con l’origine del tributo, che sarebbe un’imposta municipale da gestire in autonomia, nonché con l’esigenza di semplificare il rapporto tra chi obbliga e chi deve adempiere e non costringerlo ad effettuare due versamenti Imu in poco tempo", osserva. Ad ogni modo l'amministrazione comunale porterà in consiglio comunale alcuni provvedimenti, investendo 6-7 milioni di euro, somma che si aggiunge "agli altri 25 milioni di euro già impegnati per non pesare sulle tasche di cittadini, famiglie, associazioni e imprese". L'assessore Brasini aggiunge: "Uno sforzo enorme sia di risorse, sia di lavoro da parte dell’amministrazione che ci apprestiamo ad affrontare con misure concrete e attuabili nonche’ con l’obiettivo di creare tutte le condizioni per favorire la ripartenza di una parte vitale del nostro tessuto imprenditoriale".

TARI. Per quanto riguarda la Tari si proporrà uno sconto parametrato al periodo in cui le imprese sono rimaste chiuse a seguito dei decreti della Presidenza del Consiglio dei ministri. Saranno comprese riduzioni anche per le attività che pur restando aperte hanno subito restrizioni. Abbattimento del tributo anche per le imprese stagionali, "partendo dal presupposto che nelle settimane interessate dal lock down, avrebbero potuto lavorare, come ad esempio nel periodo di Pasqua ed altre aperture straordinarie, invece riapriranno solo per i restanti mesi estivi", rileva Brasini. 

COSAP.  Come noto il Comune di Rimini ha messo a disposizione gratuitamente più metrature per occupazioni di suolo pubblico a favore delle attività. "Una Cosap due, completamente gratuita, che consentirà ai negozi e ai locali di ampliarsi con maggiore possibilità di lavorare in sicurezza", evidenzia Brasini. Inoltre l'amministrazione comunale disporrà l'esenzione dal canone Cosap in considerazione dei mesi di chiusura provocati dall'emergenza sanitaria.

IMU. Il Comune di Rimini è intervenuto "congelando" almeno fino a luglio gli adempimenti tributari, comrpese le rateizzazioni dei debiti pregressi. In corso di approvazione per l'Imu le aliquote degli anni precedenti, senza aumentarle, come previsto dalla nuova legge di bilancio 2020. L'assessore Brasini ricorda anche la "No Tax Area": "i proprietari di immobili a destinazione commerciale o produttiva possono ottenere un contributo economico, sulla base dell’Imu versata, a fronte di una riduzione del canone di affitto alle imprese non inferiore al 20%, contributo che copre l’intero valore dell’IMU pagata se la riduzione del canone supera il 30%".