Domenica 05 Luglio02:21:50
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Italia Nostra contro il Parco Eolico al largo di Rimini: "Pietra tombale sul turismo"

L'associazione in una nota: "Impianti visibili, infrastruttura impattante col paesaggio"

Attualità Rimini | 15:04 - 13 Giugno 2020 Pale eoliche (foto di repertorio) Pale eoliche (foto di repertorio).

Il progetto del Parco Eolico Offshore al largo della Riviera di Rimini non piace all'associazione Italia Nostra, che invita ad approfondite riflessioni prima di una decisione finale. Italia Nostra spiega in una nota: "È in corso una pesante campagna a favore della realizzazione del nuovo parco eolico offshore che dovrebbe sorgere davanti alla spiaggia di Rimini, 59 aerogeneratori alti all'apice della pala eolica 215 metri, il doppio del grattacielo di Rimini, che si staglieranno sull'orizzonte del mare con una selva di impianti, il più vicino dei quali a 10 km dalla costa". Gli impianti, rimarcano i responsabili di Italia Nostra, saranno quindi visibili, idem la piattaforma estrattiva più vicina, che si trova a 17 km dalla battigia. Italia Nostra evidenzia che "la realizzazione di una infrastruttura così impattante col paesaggio pregiudicherebbe per sempre e in modo irreversibile l'attrattività turistica della Riviera, con grave danno per tutti, dai riminesi, ai turisti, alle strutture ricettive e alla pesca". Italia Nostra parla di "pietra tombale sulle prospettive turistiche di Rimini". "Per questo - rileva la nota dell'associazione - è importante che ci sia una presa d'atto, un'assunzione di responsabilità da parte di tutti coloro che rappresentano interessi collettivi rispetto a questa opera, la cui realizzazione è molto più vicina di quanto si immagini". Infine l'associazione invita ad un approccio pragmatico sul tema, non ideologico ("fossile sì, fossile no, energie pulite, energie rinnovabili"), "basandosi sulle esigenze reali e di lungo termine per lo sviluppo sostenibile ed equo dei territori".