Marted́ 01 Dicembre19:37:57
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Novantamila euro donati da più di 800 persone all'ospedale Ceccarini di Riccione

E' il bilancio della raccolta fondi promossa da Famija Arciunesa

Attualità Riccione | 15:15 - 12 Giugno 2020 La consegna dell'ecografo da parte di Francesco Cesarini di Famija Arciunesa La consegna dell'ecografo da parte di Francesco Cesarini di Famija Arciunesa.

La Famija Arciunesa è storicamente legata all’Ospedale “Ceccarini” di Riccione, a favore del quale, nel corso degli anni, ha effettuato numerose donazioni e partecipato a molteplici raccolte fondi. Durante l'emergenza Covid-19, ha promosso una raccolta fondi denominata “Riccione contro il Coronavirus”, attraverso una piattaforma di fundraising, “GoFundMe”, grazie alla quale ha raccolto, in poche settimane, circa novantamila euro. In tanti hanno partecipato, donando generosamente quanto era nelle loro possibilità: più di 800 persone hanno risposto all’appello. Ad accomunare tutti questi donatori, un profondo senso di attaccamento al “Ceccarini” e la gratitudine verso il personale medico e infermieristico che vi opera.

Mano a mano che i fondi venivano liquidati, Famija Arciunesa ha iniziato a procedere con le donazioni perché, soprattutto i dispositivi di protezione individuale, erano molto urgenti. Le prime ad arrivare al personale del “Ceccarini” e in particolare a coloro che lavoravano nel Covid Hospital che vi era stato attivato, sono state mille tute Du Pont “Classic Expert” del valore di 6.466 euro. Quindi due ventilatori polmonari Evita V600 – Drager, del valore di 43.920 euro e infine un ecografo Donosite SII con due sonde, software rilevazione ago Steep Needle Profiling e carrello, del valore di circa 25.620 euro, ed un ecografo V-Scan Extended del valore di 6.222 euro, consegnato oggi (venerdì 12 giugno). La cerimonia di consegna dell'ecografo si è tenuta nel giardino esterno dell’Ospedale Ceccarini di Riccione, alla presenza del presidente dell’associazione Francesco Cesarini, dei vertici associativi e dei rappresentanti dei molti donatori, del direttore medico dell’Ospedale Bianca Caruso, del direttore del Pronto soccorso – Mecidina d’Urgenza Mauro Fallani, della Responsabile dell’Anestesia Rianimazione di Riccione Antonella Pompili e della responsabile aziendale del Fundraising Elisabette Montesi.