Domenica 12 Luglio23:46:55
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Caso Dentix, genitori riminesi: "Figlia lasciata con occlusione dentale e continuiamo a pagare"

I genitori si erano accordati per pagare attraverso una finanziaria consigliata dalla stessa struttura

Cronaca Rimini | 07:18 - 11 Giugno 2020 Strumenti dentali Strumenti dentali.

"Vogliamo che sia fatta chiarezza su una possibile coinvolgimento tra la Dentix e la finanziaria decantata dalla medesima Dentix". L'avvocato Nicolas Cicchini annuncia la denuncia, per l'ipotesi di reato di truffa, presentata per conto di una coppia di genitori riminesi. La figlia 12enne, il febbraio scorso, aveva fatto ricorso alle cure della filiale di Rimini della Dentix per un problema di occlusione dentale. I genitori si erano accordati per pagare attraverso una finanziaria consigliata dalla stessa struttura, allettati anche da uno sconto promesso: rate di 120 euro per 42 mensilità, a fronte dell'applicazione di tre apparecchi per denti (il primo quello "elastodontico", un apparecchio mobile costruito in materiale morbido). Ma proprio il primo apparecchio, lamentano i genitori, non era stato preparato a regola d'arte. A quel punto è stato richiesto un intervento di sistemazione, mai arrivato. L'emergenza coronavirus e la successiva procedura fallimentare ha lasciato la 12enne senza le adeguate cure e soprattutto alle prese con il ritorno dei problemi di occlusione dei denti, mentre i genitori continuano a pagare comunque le rate.