Giovedì 09 Luglio16:47:19
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Infermieri in piazza a Milano i primi di luglio: "Non chiamateci eroi"

Evento che coinvolgerà tutti gli infermieri delle regioni piu' colpite dall'emergenza pandemia

Attualità Milano | 12:24 - 10 Giugno 2020 Flash mob infermieri Flash mob infermieri.

"Entro i primi giorni di luglio, permessi ad autorizzazioni permettendo, i colleghi impegnati contro il Covid-19 nelle regioni piu' colpite si stanno dando appuntamento nelle strade di Milano. E' arrivato il momento di mostrare alle istituzioni, una per una, le facce degli infermieri che hanno guidato la gente fuori dal guado nei giorni peggiori. Se qualcuno pensava che con i recenti flash mob fosse finita qui si sbagliava di grosso. Quello che e' successo in queste giornate esemplari non lo dimenticheremo mai, ed e' solo l'inizio della nostra battaglia". Esordisce cosi' Antonio De Palma, presidente del sindacato Nursing Up, nell'annunciare un evento che coinvolgera' tra pochi giorni tutti gli infermieri delle regioni piu' colpite dall'emergenza pandemia. "Lo vogliono fare tutti quei colleghi accorsi nelle piazze in questi giorni- spiega- e che hanno urlato a gran voce lo slogan 'Maipiucomeprima'. Lo chiedono quelli che a Genova, a Torino o a Milano hanno voltato le spalle verso i palazzi del potere sollevando cartelli con sopra scritto 'Vogliamo rispetto'. I flash mob lasceranno un solco indelebile nelle menti di chiunque vi abbia partecipato: la signora anziana che ci porge un mazzo di fiori commossa e affettuosa come una nonna, il pensionato che ci applaude da lontano e ci guarda con occhi di ammirazione. Vorrebbe avvicinarsi e abbracciarci, ma non puo'. E poi la giovane mamma che si propone di offrire il caffe' a cinquanta infermieri o anche piu' e che lo fa insistendo, come fosse la nostra migliore amica, la compagna di banco che non vediamo da anni. Tutto questo e' accaduto a Genova, Roma, a Rimini, a Torino e poi ancora in Campania, Trentino Alto Adige e Lombardia, dove il Covid-19 ha lasciato il maggior numero di vittime, anche tra gli infermieri"