Mercoledý 25 Novembre15:36:03
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Rimini: scoperti otto lavoratori in nero, tre con reddito di cittadinanza

Coinvolti un hotel di Rimini, una impresa edile e una cooperativa operante nel settore della somministrazione di personale

Cronaca Rimini | 12:09 - 08 Giugno 2020 Guardia di Finanza al lavoro Guardia di Finanza al lavoro.

Otto lavoratori impiegati in nero in tre imprese riminesi. La scoperta è stata fatta dalla Guardia di Finanza e riguarda due cameriere ai piani in un hotel di Rimini, tre addetti al servizio in un locale di Misano Adriatico in forza ad una cooperativa e tre manovali in un cantiere a Rimini. 
Le indagini, effettuate mediante l'incrocio delle informazioni delle banche dati della Finanza, hanno permesso di scoprire inoltre tre lavoratori in nero facevano parte di un nucleo familiare beneficiario del Reddito di Cittadinanza.

Un manovale impiegato in nero aveva denunciato l'impresa che non lo aveva messo in regola, "dimenticandosi" che il Reddito di Cittadinanza decade se l'impiego non risulta regolare, con conseguenze anche di carattere penale.
Due dei lavoratori beneficiari del RdC sono stati denunciati per non aver comunicato di aver iniziato a lavorare. Per tutti e tre è partita la procedura per la revoca del beneficio economico e il recupero delle somme percepite indebitamente, circa 5mila euro.

Le imprese che hanno impiegato i lavoratori in nero sono state multate per un totale di 23.620 euro. Nel frattempo la cooperativa, dopo l'intervento delle fiamme gialle, ha versato all'erario 12mila euro per le sanzioni contestate alla fine del controllo.

"L'attività di controllo nei confronti dei soggetti destinatari delle prestazioni sociali agevolate mira" si legge nella nota delle Fiamme Gialle " da un lato, a salvaguardare gli interessi finanziari degli Enti pubblici erogatori e, dall'altro, a perseguire obiettivi di "equità sociale", tutelando la corretta redistribuzione delle risorse pubbliche nei confronti di chi ne abbia effettivamente diritto e bisogno e reprimendo le condotte di indebita richiesta e/o percezione di sussidi e agevolazioni."