Domenica 29 Novembre21:21:50
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Verucchio: Alex sfida la crisi da coronavirus e inaugura il suo primo pub

Nell'avventura imprenditoriale sarà affiancato dai soci Filippo, Enrico e Aleksandra

Attualità Verucchio | 08:08 - 07 Giugno 2020 Alex Martino e i suoi soci Alex Martino e i suoi soci.

Dopo l'emergenza sanitaria, l'Italia è alle prese con una difficile ripartenza dal punto di vista economico. Le attività sono alle prese con protocolli stringenti, con un maggior numero di spese. I bilanci sono aggravati da tre mesi di spese e di mancati guadagni. Ma c'è chi invece ha deciso di investire in una nuova attività, cambiando letteralmente vita e lavoro, mettendosi in proprio. A 32 anni Alex Martino, riminese molto noto nel calcio dilettantistico essendo da anni presidente del Sant'Ermete Calcio, è diventato imprenditore e venerdì 12 giugno aprirà il suo primo pub: Oshad, in via San Francesco 1 a Verucchio: «L'idea di aprire un pub o qualcosa di mio l'ho sempre avuta e porto innanzitutto la mia grande esperienza da cliente! La spinta per mettermi in proprio me l'ha data la mia grande voglia di fare, il mio spirito di iniziativa e quel briciolo di incoscienza che ho, e che se non avessi avuto mi farebbe stare ancora seduto ad una scrivania, davanti al pc per otto ore al giorno, lamentandomi di quanto sia noioso». Nell'avventura imprenditoriale sarà affiancato dai soci Filippo Ceccarelli, Enrico Gabrielli e Aleksandra Milosevic, ragazzi e ragazze che come lui vivono in Valmarecchia. «Quando è iniziata l'emergenza coronavirus, io e i miei soci eravamo ufficialmente, da qualche giorno, i nuovi gestore del locale. Inizialmente ci è caduto il mondo addosso, poi rispetto alle difficoltà abbiamo reagito rimboccandoci le maniche e ora forse siamo più pronti di prima», spiega Alex Martino, a cui ottimismo e volontà non sono mai mancati, anche nella sua proficua esperienza calcistica. A proposito di pallone, il Sant'Ermete, formazione iscritta al girone D di Promozione, è in attesa di conoscere il suo destino, mentre l'emergenza Covid-19 ha fermato una delle più importanti manifestazioni giovanili, il Torneo Protti, organizzato ogni anno dalla società gialloverde: «Il blocco del calcio giovanile è la cosa che più mi manca in assoluto, e siccome non riusciamo a stare con il nostro impianto chiuso abbiamo organizzato per i mesi di luglio e agosto il nostro Summer Camp, che ha già 50 iscritti e mi aspetto si arrivi almeno ad un centinaio. Con la scomparsa del Santarcangelo Calcio il S.Ermete è diventata la prima società per importanza del Comune, ed è l'unica che quest'estate organizza un Summer Camp». Tornando invece alla sua avventura imprenditoriale, Martino spiega la scelta di Verucchio: «è un paese bellissimo, poi secondo me nella zona della Valmarecchia di locali di questo genere non ce ne sono abbastanza, per cui quando mi si è presentata questa possibilità ho pensato subito fosse l'occasione giusta al momento giusto». L'occasione giusta, arrivata in un momento di difficile ripartenza. Ma il coraggio e la fiducia di Alex, Alexsandra, Enrico e Filippo sono indubbiamente una ventata di ottimismo per il territorio della Valmarecchia.