Venerd́ 04 Dicembre02:24:55
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Verucchio: riaprono al pubblico la Rocca Malatestiana e il Museo Civico Archeologico

Ingressi di piccoli gruppo, obbligatoria la mascherina

Attualità Verucchio | 16:11 - 04 Giugno 2020 Panoramica della Rocca di Verucchio Panoramica della Rocca di Verucchio.

Dopo aver mostrato e raccontato i suoi ‘tesori’ attraverso i canali social e con una rubrica settimanale in radio per l’intero lockdown, Verucchio torna a spalancare le porte dei suoi contenitori culturali anche fisicamente. Dal fine settimana, il Museo Civico Archeologico di via Sant’Agostino e la Rocca Malatestiana riaprono infatti alle visite degli appassionati di storia e arte.

Un nuovo capitolo del graduale ritorno alla normalità anche sotto il profilo turistico, dopo l’apertura dell’Ufficio Iat avvenuta la scorsa settimana e quella delle varie attività ricettive ed enogastronomiche di questi giorni.

Siamo pronti a riaccogliere i turisti che, anche grazie alla riapertura dei confini regionali, potranno tornare a farci visita, in tutta sicurezza, da ogni luogo”, spiega il sindaco Stefania Sabba.

La doppia riapertura è fissata per sabato mattina. Museo e Rocca saranno aperti al pubblico ogni sabato e domenica dalle 10 alle 18. Il giovedì e il venerdì sarà invece possibile organizzate visite guidate su appuntamento, con un giorno di preavviso per motivi organizzativi, prenotandosi al nostro Ufficio Iat (0541-670222 – mail: ufficioiat@prolocoverucchio.it).

"Potranno accedere piccoli gruppi, a meno che non si tratti di nuclei familiari per i quali non ci sono invece restrizioni numeriche”, spiega il primo cittadino.

Massima attenzione ovviamente anche al versante sicurezza e tutela della salute: “Il visitatore dovrà indossare obbligatoriamente la mascherina, troverà all’ingresso gel igienizzante e pannelli esplicativi delle procedure di corretto comportamento. Riceverà inoltre le linee guida per la visita, che saranno consultabili anche sul sito e la pagina facebook dello stesso Museo Civico Archeologico”