Mercoledý 08 Luglio09:04:16
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Villaggio San Martino e centro storico di Rimini ancora più vicini: finita la ciclabile su via Coriano

Sabato mattina l'inaugurazione poi la pedalata, intanto nasce la Consulta della bicicletta

Attualità Rimini | 13:09 - 01 Giugno 2020 Un tratto della Bicipolitana all'altezza del deviatore del torrente Ausa Un tratto della Bicipolitana all'altezza del deviatore del torrente Ausa.

Si concludono questa settimana i lavori, iniziati a fine gennaio 2019, su via Coriano per realizzare la pista ciclabile di collegamento lunga 2 chilometri tra villaggio San Martino e il centro storico di Rimini. Un altro tassello del più ampio progetto di realizzazione della Bicipolitana.

Si tratta solo di un tassello del Piano urbano della mobilità sostenibile (Pums) con il quale l’amministrazione comunale punta a promuovere la mobilità ciclabile e pedonale. Un’opera strategica nata da un confronto molto partecipato con i cittadini e tutti i potenziali fruitori, che conferma la crescente attenzione della città ai temi della sostenibilità ambientale e contribuire ad innescare un forte cambiamento nelle nostre abitudini quotidiane di mobilità, che soprattutto in questa fase di graduale ritorno alla normalità dopo l’emergenza sanitaria,  diventa un obiettivo davvero importante da raggiungere. 

I lavori sono stati eseguiti dalla “Edilizia Castellini” per un costo parizale di 656 mila euro e un totale complessivo di oltre 837 mila, di cui 502 mila come quota dello Stato e 335 già prevista nel bilancio 2018 del Comune.

Questa nuova pista ciclabile è inserita in un piano più ampio e strutturato, una progettualità estesa, che prevede l’adeguamento funzionale della mobilità ciclabile, lungo la via Flaminia e via XX Settembre e il Borgo di San Giovanni fino al Centro Storico. 

Sabato mattina ci sarà il momento inaugurale simbolico per condividere con la città la fruizione di questo nuovo spazio ciclabile, tanto atteso dai residenti. L’idea è quella di una biciclettata, dal villaggio al Primo Maggio, insieme ai rappresentati delle associazioni della bicicletta che stanno lavorando a fianco dell’amministrazione comunale per costituire la “Consulta della bicicletta”: un organo di confronto, dove, la contaminazione reciproca delle idee e dei bisogni, favorisca la nascita e la condivisione dei progetti ciclopedonali della città. 

Un altro importante pezzo di bicipolitana, che è anche parte dell’asse 4 del programma operativo regionale destinato alle piste ciclabili e percorsi pedonali, il cui obiettivo è quello dello “sviluppo delle infrastrutture necessarie all’utilizzo del mezzo a basso impatto ambientale anche attraverso iniziative di charginghub”.  Il cantiere avrà  inizio con la realizzazione delle piste ciclabili lungo il deviatore Ausa - Grottarossa e contemporaneamente su Via Sforza. A seguire verrà realizzata la pista ciclabile lungo la SS 72 da Via Pomposa, Via Graziani, P.le Cesare Battisti e per ultima dopo la stagione estiva quella della Via Coletti a Rivabella.

«Con il completamento dei lavori sulla pista ciclabile di via Coriano e la partenza di quelli previsti la prossima settimana dopo l’interruzione dei cantieri, riprendiamo il percorso che stiamo perseguendo da qualche anno per la crescita della rete delle piste ciclabili a Rimini - sottolinea l’assessore Roberta Frisoni -  In questi giorni l’amministrazione è anche al lavoro per dare attuazioni alle progettualità relative al "Bike to Work" recentemente deliberate dalla Regione Emilia Romagna. Ho sempre creduto fondamentale investire sia nelle infrastrutture che in un cambiamento culturale a favore della mobilità attiva, adesso abbiamo nel nostro Paese una occasione straordinaria per accelerare in questa direzione grazie anche ad una maggiore ed una rinata sensibilità da parte di tutti ai temi della sostenibilità ambientale e alla trasformazione delle nostre abitudini quotidiane di mobilità».