Giovedý 09 Luglio16:11:00
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Ecco le aree all'aperto di Cattolica nelle quali i locali potranno allargarsi

E' stato definito in videoconferenza dalla giunta comunale. Il sindaco Gennari: "Ci aspettiamo molte richieste"

Attualità Cattolica | 15:36 - 26 Maggio 2020 Palazzo Mancini del Comune di Cattolica Palazzo Mancini del Comune di Cattolica.

Prende forma il grande “salotto” dell’estate 2020 immaginato per la Regina dell’Adriatico. La Giunta Comunale di Cattolica, riunita questa mattina (martedì 26 maggio) in videoconferenza, ha definito le linee guida del progetto “Cattolica Lounge” per la rimodulazione del suolo pubblico concesso a bar e ristoranti. Sino al prossimo 31 ottobre le attività potranno fruire gratuitamente di maggiori spazi per consentire il distanziamento sociale. Una misura per dare slancio e maggiori opportunità alle attività economiche. L’iniziativa ha raccolto ieri il consenso delle Associazioni di Categoria riunite al tavolo virtuale della Consulta Turistica ed Attività.

«Attendiamo numerose richieste – commenta il Sindaco Mariano Gennari – sicuri che le attività sapranno sfruttare al massimo questa opportunità totalmente a costo zero. Questo progetto renderà ancora più attrattiva la nostro città, ma soprattutto consentirà di viverla in tranquillità e nel rispetto delle norme. Uno slancio dinamico per questa comunità ed i suoi ospiti. Più spazio, più posti a sedere e tavolini ma senza assembramenti, per poter dare l’opportunità ai locali ed ai loro clienti di sentirsi sicuri. Sarà certamente uno scenario del tutto nuovo, sperimentale, che immaginiamo saprà sorprenderci. Potremo lanciare il nostro “aperitivo diffuso” andando a valorizzare ulteriori aree di Cattolica ed ampliando le zone dello svago. Nuove forme di intrattenimento che potrebbero farci rivalutare la maniera di vivere lo spazio pubblico anche nel prossimo futuro».

Ecco, nel dettaglio, come i locali potranno ampliare i propri spazi all’esterno andando a ricreare delle vere e proprie aree di “svago” per godere appieno della stagione estiva:

Lungomare Rasi Spinelli. Le attività comprese tra l’Hotel Villa Fulgida e l'incrocio di Via Verdi potranno chiedere di fruire di una porzione del marciapiede lato mare, in adiacenza alla pista ciclabile. Andrà lasciato libero uno spazio di almeno tre metri lato mare per il transito dei pedoni e si dovrà garantire all'interno della zona richiesta, su tutti i lati, una distanza di salvaguardia di almeno un metro tra le attrezzature e la fine dell'area che dovrà essere perimetrata.

Via Fiume. Per la conformazione della via, ove non sia possibile fruire degli spazi del marciapiede, gli esercizi di somministrazione potranno richiedere parte della carreggiata con l'obbligo di lasciare liberi almeno 4 metri per il passaggio di veicoli pesanti. In alternativa, sono preferibili soluzioni come l’uso di spazi eventualmente disponibili su Via Dante ed ai Giardini De Amicis.

Altre aree. Potranno essere oggetto di richieste per il progetto “Cattolica Lounge” anche aree ricadenti sulle Piazze Mercato, Roosevelt, Repubblica, Nettuno e Piazzetta della Gina. Sul restante territorio comunale sarà possibile presentare domanda e l’ufficio SUAP valuterà l’accoglimento della richiesta.

Piazza I° Maggio. Non potrà essere oggetto di richieste se non in via temporanea durante eventi e manifestazioni, in base alle ulteriori indicazioni date dall'Amministrazione Comunale.

In tutti i casi sarà necessario che le attrezzature rispettino le indicazioni estetiche previste dai regolamenti comunali; non intralcino attività limitrofe, passi carrai, cancelli ed accessi di case e attività; si rispetti il codice della strada; il servizio al tavolo si svolga nel rispetto dei protocolli; venga perimetrata l'area e le attrezzature siano di facile rimozione.

Le attività che intendono usufruire di questa possibilità dovranno presentare domanda presso il SUAP allegando la planimetria dell’area interessata (Modello reperibile qui). Lo stesso ufficio è a disposizione per gli approfondimenti e chiarimenti del caso.