Sabato 28 Novembre02:47:19
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

I cittadini di zona Byblos a Misano monte non si arrendono: altre cento firme contro l'antenna

Lo scontro è passato anche attraverso i banchi del consiglio comunale (virtuale)

Attualità Misano Adriatico | 12:48 - 25 Maggio 2020 Foto di repertorio Foto di repertorio.

Continua la protesta dei cittadini del comprensorio Pepp della zona Byblos di Misano monte contro l’annunciata installazione di una stazione radio base per telefonia mobile con supporto antenna a palo da 27 metri in cima alla collina.

Si inasprisce lo scontro nell’ultimo consiglio comunale di giovedì, dove l’assessore con delega all’innovazione tecnologica alla fine di una seduta consiliare dove ha sostenuto l’approvazione della concessione per la realizzazione di una Srb in zona Villaggio Argentina e contemporaneamente subendo una interrogazione sulla prossima autorizzazione a Misano Monte, ha cerca di lanciare messaggi tranquillizzanti.

I residenti della zona Byblos non si fermano e anzi puntano a tutelare la loro salute e quella degli ospiti della casa di accoglienza “Il Germoglio”.

«Abbiamo depositato oggi un altro centinaio di firme da parte dei residenti della zona interessata, in aggiunta a quelle depositate in precedenza e siamo disposti a raccoglierne ulteriormente. Chiediamo al sindaco Fabrizio Piccioni, in qualità di garante e massima autorità sanitaria pubblica locale di instaurare un tavolo di confronto con anche la partecipazione di esperti al fine di valutare un sito alternativo per posizionare il suddetto impianto e ad arrivare ad una soluzione condivisa a tutela dell’interesse pubblico con il massimo rispetto della sostenibilità ambientale e sanitaria. Apprezziamo la volontà del Sindaco di aver dichiarato che si sta adoperando in tutti modi possibili per trovare una soluzione alternativa e il fatto che siano in valutazione dieci siti differenti, ma ad oggi a distanza di mesi, ciò non ha prodotto alcuna conferma».

Con la nuova interrogazione, grazie anche al sostegno della consigliera di minoranza Savoretti che l’ha presentata e delle istanze tecniche Arpae presentate e trasmesse dall’associazione Ambiente e salute di Riccione, sono emerse nuove riflessioni.