Venerd́ 04 Dicembre03:32:38
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Riapertura dei centri estivi a Coriano dal 15 giugno, il Comune pronto a sburocratizzare

Meno di un mese per riorganizzarsi, la sindaca manda 11 domande alla vicepresidente regionale

Attualità Coriano | 11:31 - 25 Maggio 2020 La sindaca di Coriano Domenica Spinelli La sindaca di Coriano Domenica Spinelli.

Si è tenuto mercoledì pomeriggio il secondo incontro del tavolo di lavoro tecnico-politico con i soggetti gestori dei Centri estivi del nostro territorio e i rappresentanti dei genitori dei bambini disabili, al fine di confrontarsi sulle criticità e le eventuali modalità organizzative dei centri estivi in questo difficile momento a causa dell’emergenza sanitaria in atto.

La scelta della data è stata determinata dalla necessità di avere ulteriori chiarimenti interpretativi in merito alle linee guida sulle modalità di gestione dei servizi adottate dal governo, che avrebbero dovuto dirimere molti dubbi e criticità in capo a comuni e gestori privati. Tale incontro si è svolto nella mattina del 20 maggio con i referenti regionali ma purtroppo ancora molte criticità non sono state risolte.

Nel ribadire la massima disponibilità del Comune a sburocratizzare il più possibile le procedure e a mettere a disposizione tutti gli spazi idonei, adeguatamente sanificati, per la realizzazione delle attività, in accordo con gestori e rappresentanti dei genitori dei bimbi disabili abbiamo inviato una formale richiesta di chiarimenti nella speranza che le risposte arrivino celermente, in modo che possa  essere garantito l’avvio tempestivo di tutti gli interventi necessari a consentire la loro apertura con l’avvio dell’estate, indicativamente intorno al 15 giugno.

Beatrice Boschetti, assessora ai servizi socioeducativi: «Il tavolo di lavoro si è svolto come sempre in un clima di grande collaborazione tra la parti presenti le quali hanno concordato sulla presenza di troppi punti  ancora oscuri e sulla necessità di chiedere chiarimenti in tempi celeri. Il principale problema resta quello delle responsabilità sia del Comune sia, soprattutto del gestore del centro, in caso di contagio».

La sindaca Domenica Spinelli: «Ho scritto alla vicepresidente della Regione Elly Schlein esplicitando 11 domande importanti al fine di garantire la massima sicurezza alle famiglie e a chi ha il coraggio di mettere in piedi un servizio che per come è stato impostato nelle prime linee guide è completamente stravolto. Mi ha particolarmente colpito la frase di un genitore che nella massima collaborazione ha comunque sottolineato che a fronte di una non apertura delle scuole, i genitori di alcuni ragazzi diversamente abili hanno deciso di non partecipare al centro estivo proprio per non mettere a rischio l’equilibrio  raggiunto in questi mesi»