Marted́ 24 Novembre10:02:37
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Fase 2, i dubbi del gestore del Lord Nelson: "Aperitivo snaturato"

L'eliminazione del buffet comporta problemi e ci sono nuove spese

Attualità Rimini | 17:54 - 21 Maggio 2020 Interno del Lord Nelson Interno del Lord Nelson.


Aperitivo snaturato con le regole della fase 2. Lo spiega all'Ansa Filippo Castagnini, che a Rimini gestisce due pub storici: il Lord Nelson e il 3sei5 in centro. «Non abbiamo ancora aperto perché le disposizioni sono uscite tardi. Apriremo tra due weekend», spiega Castagnini. Molti frequentavano i loro locali per i buffet: «Adesso non si può più fare. Serviremo i piatti direttamente ai clienti. Se col buffet potevo servire 30 persone simultaneamente, adesso la cucina deve preparare 30 volte lo stesso piatto». Poco chiara la gestione degli ingressi: «Quando entra un cliente dovrei chiedere se fanno parte dello stesso nucleo famigliare. Prendere nome, cognome e numero di telefono. Se mi arrivano dieci persone alla volta la vedo dura». E mentre i coperti saranno tagliati, almeno della metà, Castagnini annuncia di non voler usfruire della possibilità di allargarsi all'esterno: «Il Comune non fa pagare la tassa, ma ci sono delle spese. Bisognerebbe delimitare con delle fioriere, ma farla come la vogliono loro costa 200 euro più Iva».