Domenica 25 Ottobre23:22:27
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Quinte elementari a lezione di tasse a distanza grazie all'ordine dei commercialisti di Rimini

Prima del lockdown erano state fatte ben 15 lezioni 343 bambini coinvolti

Attualità Rimini | 12:15 - 16 Maggio 2020 Una delle lezioni svolte in classe dai commercialisti riminesi Una delle lezioni svolte in classe dai commercialisti riminesi.

Una prima edizione con un “raggio d’azione” ridotto a causa del lockdown da Coronavirus, ma sufficiente per valutare positivamente l’esperienza. Il progetto “Tasse? Ce le racconta il commercialista”, avviato nell’anno scolastico in corso dalla fondazione e dall’ordine dottori Commercialisti di Rimini, è stato accolto con favore dalle scuole coinvolte e ha suscitato curiosità negli alunni che hanno preso parte agli incontri.

L’iniziativa, rivolta alle classi quarte e quinte delle scuole elementari della Provincia, ha visto il coinvolgimento di una trentina di commercialisti. Da novembre sino a fine febbraio si sono tenute 15 lezioni per una platea complessiva di 343 bambini in varie scuole di Rimini, a Cattolica e a San Giovanni in Marignano.

In calendario ulteriori 21 lezioni già programmate, che avrebbero coinvolto altri 450 bambini, saltate con grande rammarico a causa del lockdown.

Il progetto ha incontrato il favore dell’ufficio scolastico provinciale di Rimini. La finalità del progetto, che ha visto i commercialisti riminesi tra i primi in Italia a sposare l’iniziativa, in seguito raccomandata dal Consiglio Nazionale Commercialisti a tutti gli Ordini territoriali, è quella di sensibilizzare le giovani generazioni all’importanza del pagare le tasse.

Attraverso strumenti di facile comprensione, come un cartone animato e delle slides, i commercialisti della Provincia hanno tenuto delle vere e proprie lezioni per spiegare che cosa sono le tasse, a che cosa servono e per trasmettere il valore della legalità fiscale.

La volontà, da parte di Fondazione e Ordine dei Commercialisti di Rimini, è quindi di riproporre l’iniziativa già dal prossimo anno scolastico, nel rispetto delle misure che la ripresa dell’attività didattica comporterà, e di farne un progetto duraturo nel tempo.