Marted́ 26 Maggio22:47:21
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Spostamenti tra Regioni, via libera dal 3 giugno e senza autocertificazione

Riaprono anche i confini italiani verso i paesi dell'Unione europea senza quarantena

Attualità Rimini | 08:22 - 16 Maggio 2020 Foto da internet Foto da internet.

Sarà una ripresa graduale delle libertà di movimento, dal 18 maggio entro i confini regionali e a partire dal 3 giugno anche all'infuori di essi, salvo particolari prescrizioni adottate dallo Stato (mentre le riaperture sono demandate, come spesso specificato, alle Regioni stesse). Va in questa direzione il decreto legge approvato venerdì sera dal Consiglio dei ministri per determinare quali paletti andranno abbattuti a partire da lunedì, quando la fase due entrerà nel vivo della sua seconda fase.

Nel testo di legge è scritto chiaramente: "i trasferimenti e gli spostamenti, con mezzi di trasporto pubblici e privati, in una regione diversa rispetto a quella in cui attualmente ci si trova, salvo che per comprovate esigenze lavorative, di assoluta urgenza ovvero per motivi di salute; resta in ogni caso consentito il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza sono vietati fino al 2 giugno". Ma dal 3 giugno "gli spostamenti sul territorio nazionale possono essere limitati solo con provvedimenti adottati in relazione a specifiche aree del territorio nazionale, secondo principi di adeguatezza e proporzionalità al rischio epidemiologico effettivamente presente in dette aree". Quindi significa che dal primo lunedì di giugno si potrà uscire da confini della propria regione senza muoversi per forza per ragioni di lavoro, salute o necessità: la libertà di movimento varrà su tutto il territorio nazionale salvo altre prescrizioni.

Aprono anche i confini nazionali, con frontiere aperte verso quei Paesi che, come il nostro, hanno allentato la quarantena. Come avviene da diversi giorni, gli spostamenti da e per la Repubblica di San Marino già consentiti e sono stati riconfermati. La riapertura riguarderà tutti i cittadini senza distinzioni purché non siano in isolamento, e lo spostamento potrà avvenire anche senza autocertificazione. Sembra invece che, al momento, gli spostamenti extra Ue saranno inibiti ancora per un po'.