Martedý 27 Ottobre19:27:13
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Verucchio: spazi esterni per le attività gratis e 60.000 euro a disposizione di famiglie e imprese

Un fondo da 30.000 euro è previsto invece per le associazioni sportive

Attualità Verucchio | 15:06 - 14 Maggio 2020 Stefania Sabba, sindaco di Verucchio Stefania Sabba, sindaco di Verucchio.

Sessantamila euro a fondo perduto per imprese e famiglie, spazi esterni a disposizione delle attività senza doversi fare carico della tassa di occupazione del suolo pubblico, un doppio iter già avviato per Tari e Cosap e per ulteriori 30.000 euro a fondo perduto in favore delle associazioni sportive che gestiscono impianti di proprietà pubblica: il Comune di Verucchio mette in piedi una serie di azioni concrete per aiutare le varie anime della comunità a far fronte all’emergenza da Covid-19.

‘Open Space’ e mondo del lavoro: ecco azioni e modulistica

Per riuscire a dare risposte concrete al mondo del lavoro, è stato attivato un percorso di concertazione con le associazioni di categoria e i referenti designati dagli esercenti del territorio in rappresentanza del capoluogo e di Villa Verucchio. Percorso partito un paio di settimane fa con un primo incontro “di ascolto”, in cui l’amministrazione ha raccolto le varie esigenze e si è presa l’impegno di lavorare nelle direzioni sollecitate. “Gli interventi più urgenti erano stati ritenuti quelli su Tari e Cosap e abbiamo quindi intrapreso un lavoro di confronto con gli altri Comuni, Atersir e Arera. Martedì abbiamo convocato un nuovo tavolo in videoconferenza con i rappresentati delle associazioni di categoria e degli esercenti” spiega il sindaco Stefania Sabba: “In attesa di fornire una risposta concertata sulla Tari, abbiamo presentato la proposta comunale in merito al cosiddetto Progetto Open Space: la possibilità di mettere cioè aree pubbliche esterne a disposizione delle attività del territorio senza che la posa di tavolini comporti, per quest’anno, il pagamento dell’occupazione del suolo pubblico.  Abbiamo ribadito la nostra piena disponibilità e, in attesa di leggere la versione definitiva del Decreto Rilancio, abbiamo attivato la relativa istruttoria. Per semplificare al massimo la procedura, abbiamo predisposto appositi moduli per “richiesta di occupazione straordinaria di suolo pubblico per le attività di somministrazione”, delle quali si occupa anche il Decreto Rilancio, e di “Manifestazione  di interesse per l’occupazione straordinaria di suolo pubblico per esercizi di vicinato” per i quali, tralasciati dal decreto, apporteremo una modifica al vigente regolamento comunale. Ad ogni modulo andrà allegata la planimetria quotata e le misure per la messa in sicurezza dello spazio richiesto. Sono suggeriti allestimenti in accordo tra i vicini (es. progetti di piazza). I moduli sono scaricabili già da oggi sul sito del Comune di Verucchio”.

Fondo perduto e associazioni sportive

Contemporaneamente, l’amministrazione ha predisposto anche forme di aiuto diretto. “Grazie alle previsioni del decreto Cura Italia che consente di utilizzare gli avanzi di amministrazione per far fronte all’emergenza, e grazie anche alla buona gestione dei conti comunali che negli anni ha permesso di accantonare un buon avanzo, siamo riusciti a destinare, già nelle variazioni di bilancio in Consiglio Comunale la prossima settimana, una somma di 60.000 euro a fondo perduto per i nostri cittadini: 30.000 euro in favore delle famiglie (es. rimborso pro quota dei servizi educativi, trasporto, ecc.) e gli altri 30.000 euro per sostenere le imprese e il lavoro. Ci siamo inoltre impegnati a costituire un ulteriore fondo di 30.000 euro a fondo perduto per le associazioni sportive che gestiscono impianti di proprietà pubblica (stadi di calcio, il campo da baseball, beach volley…” aggiunge il sindaco Sabba, annunciando: “Saranno inoltre confermati il bando per sostenere l’attività sportiva dei giovani verucchiesi, di prossima pubblicazione, e quello per le associazioni del terzo settore, sportive, culturali in pubblicazione verso la fine dell’anno. Colgo l’occasione - conclude il sindaco  - per ringraziare tutta la giunta ed i consiglieri per il lavoro di confronto e mappatura delle necessità svolto in queste settimane, tutti i volontari che sin dall’inizio dell’emergenza ci hanno aiutato a realizzare servizi nuovi e indispensabili in questa situazione, e ringrazio sinceramente tutti i dipendenti comunali che seppur in condizioni difficili hanno proseguito il lavoro senza interruzione dei servizi e hanno collaborato fattivamente alla individuazione delle risposte per aiutarci a risollevare il paese dalla crisi nel quale il coronavirus lo ha portato” .