Mercoledý 27 Maggio04:07:22
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Il coronavirus non ferma i furbetti del semaforo: oltre 900 infrazioni tra marzo e aprile

L'assessore Sadegholvaad: "Le strade sono meno trafficate, ma non rimangono prive di insidie"

Attualità Rimini | 14:38 - 14 Maggio 2020 "Furbetti" del semaforo rosso a Rimini "Furbetti" del semaforo rosso a Rimini.

Nemmeno la "serrata" per il Coronavirus blocca i trasgressori del semaforo a Rimini. E i numeri sono significativi, in considerazione della ridotta circolazione di mezzi. 

Sono state oltre novecento infatti le infrazioni registrate tra marzo e aprile dai tredici impianti di rilevamento posizionati su sette incroci semaforici del territorio comunale.

Solo nel mese di marzo sono state 300 le infrazioni: un numero certamente inferiore alla media mensile pre-emergenza, ma che conferma un fenomeno preoccupante. E con l'allentamento delle misure è tornata a salire la "curva" delle infrazioni: ben 617 quelle registrate dalle apparecchiature nel solo mese di aprile. Intensa l'attività di monitoraggio degli impianti posizionati all'incrocio di Via Regina Margherita/Via Catania, uno degli ultimi in ordine di tempo ad essere installato: da gennaio (mese di attivazione del sistema) ad aprile sono state mille le infrazioni registrate, più di un terzo del totale delle violazioni dei primi quattro mesi del 2020.  

Gli altri incroci sotto controllo automatizzato sono Via Chiabrera -via Giangi-via Satta (attivo da gennaio), Statale 72- Via Gazzella; Via Caduti di Marzabotto - Via di Mezzo; Via Siracusa -Via Tommaso; Via Principe Amedeo - Via Perseo; Via Beltramini - Via Sacramora  (quest'ultimo solo direzione mare, a differenza degli altri, monitorati in entrambe le direzioni di marcia).

«Paradossalmente, commettere un'infrazione così grave in un periodo di minori spostamenti, può essere ancora più rischioso – avverte l'assessore Jamil Sadegholvaad – Sapere che circolano meno mezzi può spingere a tenere comportamenti più disinvolti, dimenticando che le strade, seppur meno trafficate, non sono prive di insidie. Il supporto degli strumenti tecnologici, in una fase storica nella quale il personale della polizia locale è impegnata costantemente nelle attività di monitoraggio del rispetto delle misure anti Covid, si rivela ancor più fondamentale per contribuire a innalzare il livello di sicurezza sulle nostre strade e colpire i trasgressori».