Martedý 27 Ottobre19:34:56
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Spiagge, la sindaca di Riccione Renata Tosi: 'Vanno aperti i confini regionali'

E ai turisti chiede: "Siete disposti a rinunciare all’ospitalità della nostra Romagna?"

Attualità Riccione | 07:52 - 13 Maggio 2020 La sindaca di Riccione Renata Tosi (foto da Facebook) La sindaca di Riccione Renata Tosi (foto da Facebook).

«Sono contenta della decisione presa dalla Regione di aprire le spiagge così come abbiamo chiesto in tutti i modi e in tutte le sedi, con accordo e unità di vedute tra noi Comuni del G20s (G20 spiagge), le maggiori località balneari d’Italia. Ma il lavoro grosso è stato fatto anche dalle associazioni di categoria dei balneari che hanno presentato alla Regione i protocolli di sicurezza, chiedendo attenzione per il settore. Sono loro che tutti i giorni dovranno avere a che fare con queste regole per tutelare la salute di tutti, cittadini, dipendenti e turisti. E purtroppo ancora una volta si registra come le esigenze dei lavoratori che non sono state tenute in considerazione».

La sindaca di Riccione Renata Tosi affida a una lunga nota la sua riflessione rispetto a come è stato trattato il settore turistico balneare da parte della politica, alle prese con la gestione dell'emergenza Coronavirus che non è più soltanto sanitaria, ma economica e sociale. «I bagnini hanno chiesto da tempo di poter preparare la spiaggia per l’apertura e dopo una serie di no si accelera all'ultimo minuto puntando sull’apertura al pubblico da lunedì 18 maggio, confermando che del lavoro degli operatori poco si comprende dall’alto. Ora che possiamo aprire dobbiamo avere la possibilità di lavorare per sostenere i costi fissi e le incognite economiche. Altrimenti sarà un’apertura in perdita».

La partita va a bracetto con quella dei confini regionali: «Bisogna aprirli. Per come si prospetta l’estate 2020, è impensabile poter lavorare solo con un turismo regionale. Con i soli arrivi dall'Emilia-Romagna si andrà poco lontano. E poi i turisti di altre parti d'Italia non so se saranno disposti a rinunciare alla nostra ospitalità».