Giovedý 22 Ottobre17:27:39
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Spaccio in un locale di Rimini: con la droga anche farmaco per un mix letale

Al termine delle indagini sono dieci le persone denunciate

Cronaca Rimini | 15:36 - 08 Maggio 2020 Pattuglia della Polizia Municipale durante un controllo a Rimini (foto di repertorio) Pattuglia della Polizia Municipale durante un controllo a Rimini (foto di repertorio).

Con le 10 notifiche di denuncia a piede libero, eseguite ieri (giovedì 7 maggio) dalla Polizia Locale di Rimini, si è conclusa una lunga indagine coordinata dal Sostituto Procuratore Davide Ercolani e condotta dalla squadra di Polizia Giudiziaria, dal Reparto Mobile, con l'aiuto delle unità cinofile, in dotazione alla Polizia Locale. 

Si tratta di una vasta operazione iniziata nell'estate del 2019 che ha tenuto impegnati gli agenti fino all'inizio dell'autunno, estesa su diverse aree del territorio comunale ma concentrata particolarmente nella zona di via Giovanni XXIII, la stazione ferroviaria e il parcheggio padane. Gli avvisi di conclusione delle indagini riguardano dieci persone, di cui 5 di nazionalità tunisina, 5 marocchina e un albanese. 

Un'attività investigativa nata da una segnalazione ricevuta dalla squadra di Polizia Giudiziaria nei confronti di una tossicodipendente conosciuto come consumatrice abituale di sostanze stupefacenti. Dalle intercettazioni telefoniche di una quarta persona, sono emerse informazioni su altri sospetti, prevalentemente di nazionalità straniera, dediti allo spaccio di stupefacenti. Informazioni che si sono aggiunte a quelle rese verbalmente dalla ragazza e da altri suoi conoscenti, identificati come consumatori abituali, che sono servite agli agenti per capire le modalità di distribuzione e la vendita delle sostanze stupefacenti. Oltre all'eroina e la cocaina dall'indagine è emerso anche l'uso di un farmaco, sequestrato ad alcuni degli indagati, facilmente reperibile, che se associato all'alcol, ha effetti simili all'eroina e può essere molto letale. Gli investigatori si sono concentrati in particolare su un pubblico esercizio dell'area, dove le indagini effettuate hanno permesso di constatare come gli scambi di sostanze stupefacenti avvenissero sia nell'area esterna che interna al locale. I reati contestati alle 10 persone sono diversi e vanno dall'arti 81, l'art. 337 e 110 del Codice Penale e l'articolo 73 del DPR 309/90.