Marted́ 20 Ottobre05:26:37
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Fase due, Regioni in pressing per riaprire dall'11 o 18 maggio. Bonaccini "Liberi di scegliere"

La richiesta del presidente al Governo per entrare nel vivo della ripartenza. Intanto si torna a messa

Attualità Nazionale | 08:15 - 08 Maggio 2020 In corso la conferenza Stato-Regioni (Ansa) In corso la conferenza Stato-Regioni (Ansa).

Le Regioni vanno in pressing serrato sul Governo per anticipare le riaperture, in particolare dei negozi. Dal 18 se non si potrà fare dall'11 maggio, ma è importante seguire l'andamento della pandemia e permettere, in questa fase di diminuzione dei casi, far sì che tutto il comparto economico riprenda a girare.

Stefano Bonaccini, governatore dell'Emilia-Romagna ma anche presidente della Conferenza delle Regioni, è intervenuto anche venerdì mattina per chiedere che «a partire dal 18 maggio le Regioni possano decidere in autonomia». L'appello, veicolato durante la trasmissione mattutina di "Radio Anch'io" in onda su Rai Radio 1 e condotta da Giorgio Zanchini, è stato arricchito da altre riflessioni: «Stiamo già permettendo agli operatori degli stabilimenti balneari di sistemare i luoghi dove vogliamo accogliere, quando si potrà di nuovo, i turisti. Stiamo scrivendo le linee guida con le associazioni di categoria per il distanziamento degli ombrelloni, eventuali steward in spiaggia. Il turismo della regione è per il 70 per cento di provenienza nazionale, dunque se il bonus vacanze consegnato ai cittadini e alle famiglie potrà essere speso ripartiremo. Si tratta del settore più in difficoltà, ma dobbiamo farci trovare pronti».

Il ministro per gli Affari regionali Francesco Boccia però al momento frena. C'è intanto l'accordo tra Esecutivo e Cei per la ripresa delle messe dal 18 maggio, secondo regole anticontagio, posti limitati, niente coro e obbligo di mascherina. Proibiti i libretti per i canti e regole anche per le offerte. Intanto cala ancora il numero di malati di nuovo Coronavirus, in Italia come nel Riminese, e non fanno che aumentare i guariti.