Sabato 08 Agosto18:06:50
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Spiagge chiuse, Comune di Riccione ricorre al Tar contro ordinanza della Regione

Il sindaco Tosi: "spiagge aperte nelle Marche, danno per i nostri operatori"

Attualità Riccione | 13:49 - 02 Maggio 2020 Spiaggia (foto di repertorio) Spiaggia (foto di repertorio).

Il sindaco di Riccione, Renata Tosi ha dato mandato all'ufficio legale del Comune di Riccione di presentare un ricorso al Tribunale amministrativo regionale (Tar), contro l'ordinanza della Regione Emilia Romagna in special maniera laddove si prevede la chiusura delle spiagge e auspicandone la revoca da parte della regione in autotutela. Il sindaco e l'ufficio legale stanno anche valutando la possibilità di presentare un ricorso alla Corte Costituzionale ravvisando l'irragionevolezza di limitazioni di diritti sanciti per legge.

Nel dettaglio la Tosi elenca tre motivi che rendono l'atto della Regione incomprensibile: in primis il fatto che siano aperti i parchi e invece chiusi chilometri di spiagge, con il rischio di assembramenti nelle aree verdi; in secondo luogo, per via delle normativa, sarebbe possibile il bagno in mare, ma non l'attraversamento della spiaggia; in terzo luogo la Tosi evidenzia il messaggio sbagliato dal punto di vista teconomico e turistico: "A pochi chilometri da noi nella costa marchigiana le spiagge sono accessibili. Questo significa calpestare il diritto al lavoro dei nostri operatori turistici riccionesi e romagnoli".