Mercoledý 12 Agosto11:39:21
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Coronavirus Rimini: "Ho portato la spesa alla mia ragazza". Ma lei non esiste: sanzionato

Curiose giustificazioni addotte da un 27enne albanese, tra dieci sanzionati del Primo Maggio

Cronaca Rimini | 13:13 - 02 Maggio 2020 Polizia impegnata nei controlli  a Rimini Polizia impegnata nei controlli a Rimini.

Sono dieci le sanzioni comminate nella giornata di ieri (venerdì 1 maggio) dalla Polizia, durante i consueti controlli per il rispetto delle normative finalizzate al contrasto dell'epidemia di Covid-19. Per la terza volta sono stati sanzionati padre 41enne e figlio 22enne, di origini calabresi, che erano in automobile: si sono giustificati dicendo di essere alla ricerca di un supermercato, quando ieri ne era disposta la chiusura. Tre bengalesi di età compresa tra 27 e 36 anni sono stati visti mentre passeggiavano in spiaggia; passeggiata non consentita anche per una coppia di pesaresi, lui 44enne e lei 34enne, fermati in viale Regina Elena. Un 27enne albanese, sottoposto ad accertamenti sulla Statale 16, ha detto prima di essere di ritorno dall'abitazione della fidanzata, alla quale aveva portato la spesa, poi da casa della sorella, per consegnarle un pezzo di ricambio che un corriere aveva lasciato alla sua abitazione. Ma il 27enne non ha saputo dire il nome della prima, né quello della seconda, né gli indirizzi. Ed è stato sanzionato.